In Cosiness, Lucille fa la mozzarella a Duckland

“All’inizio, le persone con cui ho parlato del mio progetto mi hanno fatto impazzire … Ma volevo partecipare a questa produzione, anche nel paese delle anatre!” Ride Lucille Martin. Questa donna di 25 anni alleva circa quindici bufali a Caussens (Gers), cittadina a nord-ovest di Osh, il cui latte viene trasformato in formaggio, soprattutto mozzarella.

Un originale ri-trasferimento di questa diplomata della scuola alberghiera che ha assunto la carica di giovane contadina, nel luglio 2020, la fattoria dei nonni, situata vicino al ristorante dei suoi genitori. Ci sono meno di dieci produttori di latte di bufala in Francia.

Quest’estate, Lucile ha in programma di lanciare visite alla fattoria, seguite da una parata gastronomica. Dott

“Volevo cambiare corsia. Pensavo a questo progetto dal 2016, che mi ha permesso per quattro anni di conseguire un diploma in agraria e fare un tirocinio di sei mesi in Italia con produttori di mozzarelle”, dice Lucille Martin. I miei nonni producevano un’anatra grassa. Quindi ho dovuto lavorare per creare la sala di mungitura, le bancarelle e il caseificio. Poi abbiamo dovuto portare le bufale. Volevo che arrivassero dall’Italia ma non è stato facile con la crisi sanitaria. Alla fine ne ho comprate dodici bufalo intero pronto a partorire dal gruppo di allevatori Averon “.

Con la sua bassa produzione, la marmellata produce mozzarella, camembert, sterco, yogurt e marmellata che vengono venduti in azienda. Da questa estate, la giovane donna ha in programma un tour della fattoria, seguito da un picnic e un pasto a base di prodotti a base di latte di bufala a Le Vieux Pressoir accanto ai suoi genitori, quindi di nuovo nella giungla e nel lago dove vivono i bufali.

READ  Deconfinement: la necessità di evasione, lunghi soggiorni ... le prenotazioni per le vacanze sono in aumento

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *