“In Brasile il governo è in massima allerta e la sicurezza è stata rafforzata a Brasilia. Nonostante le minacce, Lula decide di andare al Palazzo Planalto”.

Foto di copertina: Membri dei movimenti sociali manifestano in difesa della democrazia a San Paolo, Brasile, 9 gennaio 2023. Nelson Almeida/AFP

La sera di domenica 8 gennaio, centinaia di sostenitori dell’ex presidente di estrema destra Jair Bolsonaro, che si opponeva al ritorno al potere di Luiz Inácio Lula da Silva, hanno invaso il Congresso, la Corte Suprema Federale e il palazzo presidenziale di Brasilia. Il capo dello Stato, in carica da una settimana, ha denunciato l’epoca dei fatti “I vandali [et] affiliato fascisti fanatici ». Dopo diverse ore di silenzio, Bolsonaro ha semplicemente fatto riferimento alle incursioni “violare” democrazia.

Oltre diecimila poliziotti militari erano ben consapevoli dei pericoli. Ma questo potere, ottenuto da Bolsonaro, non ha impedito il licenziamento delle istituzioni di Brasilia. Poche ore prima dell’attacco, quando migliaia di bolsonariani si sono radunati nella capitale, la National Intelligence Agency stava già inviando allarmanti bollettini di allerta alle autorità della capitale.

Ciò che seguì mostrò una chiara collusione sul terreno tra le forze del regime ei golpisti. La polizia militare di Brasilia è stata filmata mentre scortava i manifestanti alla Piazza delle Tre Forze e consentiva loro di raggiungere le sale del Congresso. Alcuni si sono fatti selfie e hanno chiacchierato con i sostenitori di Bolsonaro. Non sono stati sparati proiettili di gomma. La polizia militare si è accontentata di gas lacrimogeni e un po’ di spray al peperoncino.

Per approfondire:

READ  Bernard Magrez: "Non ci riuscirai mai"

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.