In auto o per la produzione, l’auto testa il metaverso

In auto o per la produzione, l’auto testa il metaverso
Las Vegas, Stati Uniti | AFP | Sabato 01/06/2023 – Far immergere il guidatore in un film, vendere auto in una concessionaria virtuale, simulare l’installazione di una nuova parte nel motore: diversi produttori e fornitori di attrezzature hanno mostrato al Las Tech Show Vegas come testano il Metaverso.

Con o senza un visore per realtà virtuale, il metaverso ti invita a immergerti in un nuovo mondo.

Così, il produttore di apparecchiature francese Valeo ha sviluppato un sistema che consente al guidatore o al passeggero di sedersi come se fosse davanti a uno schermo televisivo a casa e interagire con l’ambiente circostante, utilizzando un casco ma senza joystick o guanti grazie ai numerosi sensori già in macchina che identificano le mani.

Per coloro che potrebbero sentirsi oppressi dal casco integrale, i sensori montati all’esterno del veicolo potrebbero consentire ai pedoni o ai paesaggi di mimetizzarsi nella realtà virtuale, spiega Ghia Khemiri, project leader.

E se i sensori rilevano che sei stressato, il sistema può offrire una sessione di rilassamento con immagini e suoni rilassanti.

In Valeo, “lavoriamo molto sull’auto elettrica e sull’auto a guida autonoma, abbiamo i nostri sensori”, spiega Gaya Khemiri. “Ci siamo chiesti cosa avremmo potuto fare per intrattenere gli utenti”.

Questo sistema, ancora in forma prototipale, era inizialmente destinato ai passeggeri o ai conducenti durante una pausa, come la ricarica di un’auto elettrica. Il conducente può quindi utilizzarlo nei veicoli a guida autonoma.

Pellicola sul parabrezza

Holoride, una startup sostenuta dal produttore Audi, commercializza un auricolare per realtà virtuale destinato solo ai passeggeri sul sedile posteriore di un’auto.

Il sistema è progettato in modo che possano guardare un film o giocare a un videogioco con un controller senza sentirsi male, poiché il contenuto è sincronizzato con i movimenti del veicolo.

READ  El Palace Barcelona: torna indietro nel tempo e prenota la Josephine Baker Art Suite

La società ha rivelato al CES una nuova versione che può essere utilizzata su tutte le auto.

Il produttore tedesco BMW gli ha presentato mercoledì a Las Vegas un prototipo che dovrebbe ispirare i prossimi veicoli del marchio, fondendo “il mondo reale e quello virtuale”.

Il gruppo ha menzionato in particolare la possibilità di proiettare immagini di realtà aumentata sul parabrezza, come la velocità o la direzione, o addirittura trasformare l’intero parabrezza in uno schermo per guardare un film.

“Dovremo aspettare ancora molti anni prima di vedere l’emergere di un metaverso completamente connesso e immersivo, ma i giocatori mobili possono davvero trarre un reale valore commerciale da tecnologie appositamente costruite”, afferma McKenzie, che ha pubblicato il giorno prima. Si tiene fino all’8 gennaio un reportage sul Metaverso nel settore automotive.

Per vendere auto, Fiat a dicembre ha lanciato in Italia quella che il gruppo chiama “Concessionaria nel Metaverso” dove i clienti possono cercare, configurare e persino acquistare auto online, con l’aiuto di un wizard in tempo reale.

riparazione a distanza

Se le tecnologie migliorano, compresi i cosiddetti dispositivi tattili che simulano la sensazione tattile, i consumatori possono “esaminare una replica ultra realistica di un veicolo – aprendo le portiere, toccando i sedili, sfrecciando lungo un’autostrada – come farebbero con un’auto vera ”, dice McKenzie.

Di fronte a un veicolo in panne, il tecnico può aiutare il cliente a eseguire una semplice riparazione da remoto.

Il metaverse può anche supportare la progettazione di nuovi prodotti o facilitare il test delle funzionalità in ambienti diversi.

Alexandre Corgon, responsabile dell’innovazione presso il produttore francese di apparecchiature, Plastic Omnium, è venuto al CES in particolare per esplorare i diversi usi che l’azienda potrebbe avere per questa tecnologia.

READ  L'Italia si invita per qualche giorno alla Foire de Bourges, che inizia giovedì alle Rives d'Auron

Attraverso il metaverso, potrebbe, ad esempio, mostrare a un cliente come sarebbe il materiale riciclato su una data forma, “rendendo così consapevole il designer dell’effetto che avrebbe” sul veicolo, dice. O mostrare la migliore performance di una novità.

Il gruppo prevede anche di sperimentare nel metaverso verso i comitati di gestione, che a volte sono difficili da riunire a causa delle attività globali del gruppo, evitando così i viaggi.

You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *