Il Trattato del Quirinale o la nuova luna di miele franco-italiana sull’economia

Pubblicato in:

Il 25 e 26 aprile il presidente Emmanuel Macron si recherà in visita ufficiale a Roma per firmare con il presidente del Consiglio, Mario Draghi, il Trattato del Quirinale, intitolato al Palazzo della Presidenza italiana dove si svolge la celebrazione. Lanciato al vertice franco-italiano di Lione nel 2017, questo accordo mira a rafforzare la cooperazione tra i due paesi.

Dal nostro inviato a Romae

Questo trattato è considerato dalle istituzioni italiane come un simbolo dell’unificazione dell’asse Parigi-Roma e come un mezzo per riequilibrare il potere dell’Europa. I suoi dettagli non sono ancora stati rivelati. Ma sappiamo che copre molte aree. Dall’economia alla cultura, passando per la difesa, la sicurezza e la politica estera. Va ricordato che l’accordo bilaterale, che Emmanuel Macron e l’ex presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, hanno messo sulla buona strada, è stato congelato nel 2018. Subito dopo aver preso il potere La Lega e il Movimento Cinque Stelle (M5S) che all’epoca sostenevano i Gilet Gialli Ha accusato la Francia di impoverire l’Africa. Ciò causò una crisi senza precedenti dal 1940.

► Leggi anche: Tensioni franco-italiane: Parigi richiama il suo ambasciatore in Italia

Se i legami di amicizia si sono rafforzati, lo si deve soprattutto al capo dello Stato Sergio MattarellaUn mediatore eccezionale, e al presidente del Consiglio Mario Draghi, che mantiene ottimi rapporti anche con il presidente Macron. In questo clima di ritrovata serenità, non tutti gli attori politici ed economici italiani sono contenti Firma del Trattato franco-italiano. Sul fronte politico, notiamo che i postfascisti, unico partito di opposizione Freer d’Italie, che ha ricevuto il 19,5% dei voti intenti, considerano vergognoso che il trattato non abbia subito alcun dibattito parlamentare prima della sua firma. Credono che l’Italia sarà sotto il controllo della Francia. Ma, come sottolinea il democristiano Piero Fasino, presidente della Commissione parlamentare per gli affari esteri, il numero delle imprese italiane che operano in Francia è uguale al numero delle imprese francesi in Italia.

READ  Italia: un giovane si fa tatuare la salute sul braccio

Quanto agli esperti dell’Istituto italiano per gli affari internazionali, sono d’accordo sul fatto che il Trattato del Quirinale potrà evitare conflitti, come quelli causati dalla revoca da parte della Francia dell’accordo di sequestro dei cantieri nell’Atlantico. di Fincantieri. E per i datori di lavoro italiani, questo trattato consentirà a Roma di occupare un posto maggiore ai tavoli importanti.

Da leggere anche: Fincantieri-Chantiers de l’Atlantique: l’appropriazione scorre

Trattato del Quirinale, questo accordo che nessuno conosce

La popolazione è completamente all’oscuro dell’esistenza di questo accordo franco-italiano. Se chiedi ai clienti di un’osteria nel centro di Roma, ” Cosa ne pensi del Trattato del Quirinale? Ti guardano come se fossi caduto da una terra sconosciuta.

Quello che invece incuriosisce gli italiani è piuttosto la separazione del Vaticano. Domani venerdì, dopo la firma del trattato, papa Francesco riceverà Emmanuel Macron per la seconda volta dal 2018 e cinque mesi prima delle elezioni presidenziali del 2022. E questo argomento continua a suscitare dibattiti!

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *