Il tempo tra due dosi di vaccino è prolungato

Giovedì il ministero della Salute ha dichiarato che l’intervallo tra due dosi della vaccinazione contro il vaiolo delle scimmie era in precedenza di 28 giorni, esteso per le persone senza immunodeficienza.

“Nell’ambito della strategia di vaccinazione preventiva (…) e al fine di garantire che venga vaccinato il maggior numero di persone a rischio”, il ministero ha annunciato all’AFP di avere “siti di vaccinazione raccomandati, secondo il parere del World Assemblea Sanitaria” 7 luglio, per estendere il distanziamento tra la prima e la seconda dose per le persone non immunocompromesse”.

Due dosi del vaccino sono raccomandate per la maggior parte delle persone idonee, in particolare gli uomini che hanno rapporti sessuali con uomini. Per coloro che in passato sono stati vaccinati contro il vaiolo, è sufficiente una singola dose. Per gli immunocompromessi, se ne consiglia un terzo.

Testimonianze nei giorni scorsi hanno riferito di aver cancellato gli appuntamenti per una seconda dose.

Il ministero ha sottolineato che “gli appuntamenti della seconda dose già programmati non devono essere cancellati” e che “i pazienti la cui seconda dose sarà valutata prioritariamente da un medico per motivi di salute, terapeutici o di esposizione, trarranno vantaggio dalla programmazione di un appuntamento”. D’altra parte, “le date per la seconda dose non programmata possono essere programmate in un secondo momento”.

L’Alta Autorità sanitaria, nel suo parere di inizio luglio, raccomandava il calendario vaccinale “in due dosi, distanziate di 28 giorni l’una dall’altra” ma osservava “che si poteva prevedere un distanziamento delle dosi di diverse settimane in caso di ceppo in la fornitura di vaccini”.

READ  La scelta nell'era delle neuroscienze

In risposta alla domanda se la proroga del termine fosse legata a tale tensione, giovedì il ministero ha confermato ad AFP che “non c’è tensione nella fornitura di vaccini”.

Il ministro della Salute, Francois Brown, ha ribadito mercoledì, durante la sua prima visita al centro di vaccinazione contro il vaiolo delle scimmie, che la Francia ha “abbastanza per vaccinare la popolazione bersaglio (…) ovvero 250mila persone”.

Dopo essere stato chiamato a smaltire 42.000 dosi, ha affermato che il governo “è in grado di aumentare le vaccinazioni secondo necessità”.

Finora, circa 18.500 persone hanno ricevuto la prima dose del vaccino.

E il ministero ha avvertito, giovedì, di “qualunque sia l’efficacia del vaccino dopo una o due dosi, non sarà del 100%”, insistendo parallelamente sulla prevenzione.

Secondo una statistica bloccata dalle autorità sanitarie martedì 2 agosto, in Francia sono stati confermati 2.239 casi. A differenza di altri paesi come la Spagna, non ci sono decessi da segnalare.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.