Il telescopio Webb penetra nel nucleo ghiacciato di una nuvola spaziale

Il James Webb Space Telescope ha sbirciato all’interno di una nube molecolare a 630 anni luce dalla Terra e ghiaccio maculato composto da vari elementi.

• Leggi anche: Il James Webb Telescope osserva galassie simili alla Via Lattea

• Leggi anche: James Webb svela il mistero di una nebulosa attorno a una stella morente

• Leggi anche: James Webb svela un’enorme clessidra di polvere attorno a una giovane stella

Le nubi molecolari sono raccolte interstellari di gas e polvere in cui si possono formare molecole di idrogeno e monossido di carbonio. Densi ammassi all’interno di queste nubi possono collassare per formare giovani stelle chiamate protostelle.

Il telescopio Webb si è concentrato sulla nube molecolare oscura Chamaeleon I, che appare blu nella nuova immagine. Una giovane protostella, chiamata Ced 110 IRS 4, si illumina di arancione a sinistra.

La rispettata rivista Nature Astronomy ha pubblicato lunedì uno studio che includeva l’immagine.

Altri punti arancioni che rappresentano la luce delle stelle sullo sfondo perforano la nuvola.

La luce delle stelle ha aiutato gli astronomi a determinare la diversità delle particelle congelate all’interno della nube molecolare oscura Chamaeleon I, che costituisce dozzine di giovani stelle.

Il telescopio Webb osserva l’universo attraverso la luce infrarossa, invisibile all’occhio umano. La luce infrarossa può rivelare aspetti precedentemente nascosti dell’universo e penetrare in densi ammassi di gas e polvere che altrimenti bloccherebbero la vista.

“I nostri risultati forniscono informazioni sulla fase iniziale della chimica oscura per la formazione di ghiacci sui granelli di polvere interstellare che diventeranno ciottoli di dimensioni centimetriche da cui si formano i pianeti”, ha detto Bian. L’autrice principale dello studio, Melissa McClure, è un’astronoma e assistente professore all’Osservatorio di Leiden nei Paesi Bassi.

READ  Coin Master Free Spins 2 gennaio 2023 - Breakflip

“Queste osservazioni aprono una nuova finestra sui percorsi di formazione delle molecole semplici e complesse necessarie per creare i mattoni della vita”, aggiunge.

Oltre alle molecole semplici, i ricercatori hanno visto prove di molecole più complesse.

“La nostra identificazione di molecole organiche complesse, come metanolo e possibile etanolo, indica anche che molti sistemi stellari e pianeti che si sviluppano in questa particolare nube erediteranno molecole in uno stato chimico abbastanza avanzato”, ha affermato l’agenzia in una nota. L’autore è Will Rocha, astronomo e ricercatore post-dottorato presso l’Osservatorio di Leida.

“Ciò potrebbe significare che la presenza di precursori di molecole prebiotiche nei sistemi planetari è una conseguenza comune della formazione stellare, piuttosto che una caratteristica unica del nostro sistema solare”, ha aggiunto.

Gli astronomi hanno utilizzato il filtraggio della luce stellare attraverso la nuvola per cercare firme chimiche e identificare elementi.

“Semplicemente non avremmo potuto osservare queste calotte glaciali senza Webb”, ha detto in una dichiarazione il coautore dello studio Klaus Pontopidan, scienziato del progetto Webb presso lo Space Telescope Science Institute di Baltimora.

You May Also Like

About the Author: Adriano Marotta

"Pluripremiato studioso di zombi. Professionista di musica. Esperto di cibo. Piantagrane".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.