Il set tricolore, lo spettacolo del pubblico italiano, gli attacchi misogini… quello che ci piaceva e odiavamo.

Da Roma a Ostia, questo campionato europeo di nuoto, terminato domenica 21 agosto, è stato scandito da una nuova medaglia tricolore con bronzo nella staffetta mista acque libere, undici giorni di gare. La Francia torna ai vertici della scena acquatica dopo il successo dei Mondiali di Budapest di due mesi fa. Franceinfo: Lo sport misura il bello… e l’inferiore che caratterizza gli eventi.

Noi amavamo…

Se i singoli non sono stati sempre all’altezza delle aspettative, allora il gruppo francese si è illuminato di mille luci. Le squadre francesi hanno vinto cinque medaglie nel nuoto sprint, di cui una d’oro nel nuoto misto 4×100 metri stile libero. Nella 4×100 misti, i ragazzi e le ragazze hanno guadagnato la magia dell’argento, così come la 4×200 stile libero misto. Infine, la 4x200m stile libero maschile ha conquistato il bronzo.

Il gruppo francese eccelleva anche dietro le quinte. Charlotte Bonet lo ha confermato a franceinfo: Sport: questo gruppo vive bene. Con il suo nuovo boss, Jacco Verhaeren, al timone, e alcuni leader come Yohann Ndoye Brouard (con l’oro oltre i 200 metri indietro) Maxime Grousset o Marie Wattel, i Blues sono stati in grado di surfare l’onda iniziata a Budapest. Bashir Khair due anni prima delle Olimpiadi di Parigi.

Prima di questi tornei bisognava risalire al 2007 per vedere una donna francese con una medaglia al collo nel nuoto tecnico durante una competizione internazionale. Poi Virginie Didio è stata incoronata il campionato mondiale di singolare.

france tv

Quindici anni dopo, la squadra di nuoto tecnico femminile vinse tre medaglie di bronzo. Dal canto suo, Quentin Rakutumalala ha lasciato lo stesso metallo in tasca in occasione della prima gara di nuoto tecnico maschile nella storia dei Campionati Europei.

READ  Italia e Svizzera, note: Donnarumma è impraticabile

Anche lo spettatore più stagionato è rimasto sorpreso dalla febbre sugli spalti. Lo Stadio Navale, che ha ospitato nuoto e speed diving, nonché lo Stadio Nicola Petrangeli, che ha ospitato nuoto tecnico, sono stati il ​​luogo di grandi escursioni dei tifosi italiani. Hanno gridato il loro amore per i loro atleti o lo hanno mostrato con cartelli in onore di Gregorio Paltrinieri, Benedetta Pelato, o anche… Federica Pellegrini.

Ma il pubblico italiano è anche un intenditore. Quando Yohann Ndoye Brouard deve tornare in testa da solo nella semifinale dei 200 metri dopo essersi rotto i fermapiedi un’ora fa, non è davvero solo. Poche ore dopo, le tribune sono ancora piene e, in un’atmosfera degna di un campo da calcio, la bionda alta si prenderà il secondo tempo, prima di vincere il titolo europeo il giorno successivo.

Non ci è piaciuto…

In vista dell’Europeo, le ragazze della nazionale francese hanno condiviso sui social una loro foto al termine dell’allenamento. A sostegno degli screenshot, Solène Lusseau ha denunciato gli attacchi che ho subito online dopo questo post. Reazioni razziste, misoginia e sessismo.

“Sono solo uomini, quarantenni, cinquantenni, padri”.secondo Mathilde Venier, una delle nuotatrici della Francia intervistata da franceinfo.

La prima cosa che si è udita lungo il Foro Italico, il 10 agosto, vigilia dell’inizio di questi Campionati Europei, è stato il rumore dei trapani e il rumore delle lamiere che ondeggiano sul pavimento. Lo stadio che ha ospitato lo sprint non era ancora completo quando sono iniziate le prime gare.

Ricordiamo inoltre il rapporto dei fermapiedi che dovrebbero sostenere i passeggeri dello schienale al momento della partenza. Moen Tomac e Johan Ndwi Broward, tra gli altri, possono testimoniare. Se lo pneumatico si rompe una volta durante le semifinali del residente Insep, è stato spesso sostituito prima dell’inizio di varie gare, tanto da destabilizzare gli atleti che incontrano questo equipaggiamento altamente pericoloso.

READ  Agenzia stampa degli Emirati - Expo Dubai ospiterà il primo Giro d'Italia fuori dall'Europa

Quarto nelle semifinali dei 200 dorso, il francese Moen Tomac si dirige verso la finale continentale.  Non sarebbe il caso di Yohann Ndoye Brouard, una vittima inizialmente travagliata.

Stessa storia in picchiata. L’Iron Giant era ancora in costruzione pochi giorni prima dell’inizio della competizione. Che dire dell’organizzazione della gara in acque libere dove due gare di 25 km sono state annullate dopo una situazione di stallo. Inaudito in memoria dei nuotatori.

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.