Il sessismo nei libri di anatomia? VERO


Questo articolo fa parte della sezione Rumor Detector, clicca qui per altri articoli.


corpo incompleto

Studiando la lingua usata nei testi per gli studenti di medicina dal 1890 al 1989, Ricercatori del Nebraska Per questo gli anatomisti hanno sempre considerato che il corpo maschile è migliore del corpo femminile. Infatti, presso gli antichi greci, le donne erano viste come uomini imperfetti. Pertanto, gli anatomisti credevano che la vagina e l’utero fossero equivalenti al pene e allo scroto, le cui posizioni sono semplicemente invertite. Inoltre, le ovaie non avevano un nome specifico e venivano chiamate testicoli femminili.

Occorre attendere la fine del Seicento per cominciare a considerare che l’anatomia di una donna è molto diversa da quella di un uomo. Questo vale non solo per il sistema riproduttivo, ma per tutto il corpo. Tuttavia, discriminazione non significa uguaglianza. Ad esempio, un medico tedesco scrisse nel 1830 che il corpo umano esprime la sua forza e la sua acuta comprensione delle cose, preparandolo per la scienza, le arti e la politica. Mentre il corpo femminile esprime passione e dolcezza, che preparerebbero la donna alla maternità ea una tranquilla vita familiare in casa.

Nomi di discutibile origine

Se non sorprende che tali percezioni siano prevalse a lungo, d’altronde, gli esperti lamentano che la visione negativa del corpo femminile persista ancora oggi, nello stesso linguaggio usato in anatomia.

in testo Pubblicato nel 2020, la ricercatrice Alison Draper, della University of Miami School of Medicine, offre, ad esempio, una riflessione sul termine vulva che fino a tempi recenti era usato come sinonimo di vulva. Questo termine latino deriva dal greco che significa tra l’altro “disgrazia”. Secondo la signora Draper, i greci usavano originariamente il termine per riferirsi ai genitali di uomini e donne. Tuttavia, dagli anni ’50, è stato trovato nei libri di testo di anatomia solo per descrivere il genere femminile.

READ  Lunedì sano: adotta uno stile di vita autunnale sano

Questa situazione illustra una percezione negativa delle donne che continua attraverso il linguaggio, afferma Alison Draper. E non è l’unica che ha fatto questo argomento poiché, dopo discussioni tra anatomisti, il termine Alla fine è stato rimossonel 2020, dalla seconda edizione della guida Terminologia Anatomica. Tuttavia, ho menzionato questo autunno Il New York TimesIl termine “nervo pudendo” è ancora usato dai medici.

Molti altri termini medici o anatomici hanno origini discutibili, Libri nel 2018 Leah Kaminsky, medico australiano. Ad esempio, la parola “vagina” deriva da una parola latina che significa “fodero”, cioè lo stato in cui è inserita la spada. Si può facilmente immaginare cosa fosse nella mente degli uomini nel momento in cui gli fu attribuito questo nome. Da parte sua, il termine isteria, che è stato a lungo utilizzato per descrivere un disturbo mentale attribuito alle donne, deriva dalla parola greca per utero, perché questi stati mentali erano associati a disfunzioni di questo organo sessuale.

Il Dr. Kaminsky osserva anche che parti del sistema riproduttivo femminile prendono il nome da e per gli uomini, come le tube di Falloppio o il punto G (dal medico tedesco Ernst Grafenberg). un Un team di medici australiani Si noti che delle 432 figure della storia medica che hanno dato i nomi di 700 strutture anatomiche, 424 erano uomini. Gli autori affermano che c’è sempre un altro nome possibile. Ad esempio, invece di parlare delle tube di Falloppio, possiamo usare il termine tuba uterina.

Libri di testo non rappresentativi

Nel 1992, Ricercatori del Nebraska Sopra citato ha studiato le rappresentazioni grafiche del corpo umano in 30 libri scientifici di anatomia pubblicati negli ultimi 100 anni. Notano che le immagini maschili erano due volte e mezzo più frequenti delle immagini femminili e che questa percentuale è rimasta costante per tutto questo secolo. Inoltre, l’analisi del testo che accompagna queste illustrazioni rivela che l’anatomia maschile era chiaramente lo standard rispetto al quale gli autori confrontano l’anatomia femminile.

READ  Bere caffè protegge dal rischio di gravi malattie del fegato

Quasi 25 anni dopo, nel 2016, i ricercatori australiani se ne sono resi conto Analisi simile 17 libri di testo contemporanei, per vedere se la situazione è cambiata. Sebbene i risultati varino ampiamente da libro a libro, la rappresentazione degli uomini è ancora significativamente maggiore di quella delle donne. Altre foto di donne sono state trovate anche nei dipartimenti riproduttivi. Inoltre, gli uomini erano spesso muscolosi mentre le donne avevano un corpo snello e sodo. Infine, le donne raffigurate avevano maggiori probabilità di usarle per illustrare lesioni o malattie.

Conseguenze per la cura

Queste osservazioni possono sembrare banali, ma dietro a tutte queste analisi c’è l’idea che parole e immagini possano influenzare le percezioni dei futuri clinici. Gli stessi ricercatori australiani Si sono anche incontrati Studenti di medicina e scienze naturali per provare a valutare questo fenomeno. Hanno concluso che l’esposizione a queste immagini ha contribuito allo sviluppo di pregiudizi di genere inconsci.

Quindi il timore è che questo tipo di pregiudizi possa avere ripercussioni sulla pratica medica. Ad esempio, i ricercatori indicano i risultati di uno studio che ha mostrato che i medici con un pregiudizio di genere hanno meno probabilità di raccomandare test cardiovascolari alle donne rispetto agli uomini, anche se hanno gli stessi sintomi.

subordinare Ricercatori del Wisconsin Nel 2013 ho anche riassunto i risultati di alcuni studi concludendo che le donne hanno tre volte meno probabilità degli uomini di sottoporsi a un intervento chirurgico al ginocchio quando clinicamente necessario. Secondo gli autori, i medici possono inconsciamente sottoscrivere gli stereotipi secondo cui gli uomini tollerano più dolore senza lamentarsi o hanno maggiori probabilità di essere vigorosamente attivi e quindi essere candidati migliori per un intervento chirurgico.

READ  Sesta scienza: tutto su muoni e mesoni

Crediti immagine: Il sistema riproduttivo femminile, nell’opera di De Humani Corporis Fabrica, 1543.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.