Il segreto del canto delle balene è nascosto nel profondo della gola

Il segreto del canto delle balene è nascosto nel profondo della gola

Le balene misteriose, chiamate anche balene franche, cantano grazie a un sistema unico nella loro laringe che funziona secondo un principio simile a quello dei mammiferi terrestri come gli esseri umani, ed è stato descritto per la prima volta in uno studio condotto mercoledì.

Ritornando in acqua circa cinquanta milioni di anni fa, gli antenati delle balene dovettero adattare il loro sistema di comunicazione per evitare di annegare. I cetacei dentati come l'attuale delfino hanno sviluppato un organo nasale che consente loro di emettere suoni.

Gli scienziati hanno ipotizzato che i cetacei, come le balene e le balenottere azzurre, usino la laringe per emettere suoni. Ma il meccanismo della loro anatomia che permette questi canti non è stato realmente compreso, ricorda un articolo di Nature che accompagna lo studio.

I primi marinai avevano già scoperto questi strani suoni, che inizialmente furono attribuiti a creature mitiche o “all’immaginazione di marinai ubriachi”, come ricorda nell’articolo l’anatomista americano Joey Reidenberg.

Solo dopo la seconda guerra mondiale i ricercatori hanno avuto accesso ai suoni registrati dagli idrofoni militari, dove hanno capito che questi canti erano prodotti dalle balene.

Nello studio Nature, un team internazionale guidato da Koen Elemans, del Dipartimento di Biologia dell’Università della Danimarca meridionale a Odense, ha combinato esperimenti sulla laringe di tre specie enigmatiche di balene (megattera, balenottera minore, balenottera boreale) con dati anatomici e modelli informatici. .

Ha concluso che questi animali hanno sviluppato “strutture laringee uniche per la produzione del suono”.


-Due voci contemporaneamente-

Una volta che i suoi polmoni sono pieni d'aria, dopo aver inspirato attraverso lo sfiatatoio e aver chiuso le valvole per tenere fuori l'acqua, la balena produce il suo canto spingendo l'aria attraverso la gola.

READ  Amazon: le 12 migliori offerte da non perdere domenica

Vibra tra le corde cartilaginee, proprio come fa l'aria tra le corde vocali di un essere umano per produrre il suono. Prima di passare in una tasca chiamata laringe, che gli permette di essere riciclato verso il polmone prima che venga prodotta una nuova vocalizzazione.

La scoperta di Quinn-Ellimans è un'alternativa, e forse una compagna a seconda della tipologia, all'uso del cuscinetto adiposo sopra le corde cartilaginee. Renderebbe possibile produrre un altro suono.

Questa osservazione è stata ottenuta registrando le vibrazioni generate dal flusso d'aria in campioni laringei. Cosa che è ancora impossibile da osservare in un animale vivo, date le sue dimensioni, dice Joy Reidenberg.

Tuttavia si chiede se l'ipotesi emersa dallo studio possa spiegare come alcune balene riescano a produrre almeno due suoni diversi contemporaneamente.

Una limitazione della sperimentazione è che si è svolta all'aperto con campioni di gola. Ciò non spiega come i suoni prodotti all'interno dell'animale possano propagarsi nell'acqua, con tutte le uscite chiuse.

Le misurazioni del team di Quinn-Ellimans stabiliscono anche limiti fisiologici sulle gamme di frequenza, sulla durata e sulla profondità dei canti che le balene possono emettere.

Pertanto, questi suoni si verificheranno essenzialmente alle stesse profondità e frequenze dei suoni prodotti dal traffico marittimo. Interrompere la potenziale comunicazione tra cetacei.

Agenzia di stampa francese

You May Also Like

About the Author: Adriano Marotta

"Pluripremiato studioso di zombi. Professionista di musica. Esperto di cibo. Piantagrane".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *