Il ritorno delle sette sorelle?

Nelle ultime stagioni, possiamo vedere la presenza regolare di sette club ai vertici della classifica: Juventus, Inter, Milan, Roma, Lazio, Napoli e Atalanta. Un dato che può ricordarci i primi anni 2000, quando sette società di sci di fondo gareggiarono per la vetta della Serie A. Un ritorno al fenomeno che tende a riapparire nel campionato italiano.

L’era delle Sette Sorelle o nostalgia per il Calcio negli anni ’90

Il termine “Seven Sisters” è apparso tra la fine degli anni ’90 e l’inizio degli anni 2000 per riferirsi ai sette club nella lotta per lo scudetto. Tra loro c’erano Juventus, Inter, Milan, Roma, Lazio, Parma e Fiorentina. Tutti questi club erano, per la maggior parte, sostenuti finanziariamente da importanti gruppi industriali o grandi uomini d’affari. Tra i club supportati da grandi gruppi industriali c’era l’AC Parma di proprietà di Parmalat, azienda parmigiana specializzata in prodotti lattiero-caseari. I club rumeni erano di proprietà di due potenti uomini d’affari: Franco Sensi, il magnate del petrolio della Roma e Sergio Cragnotti dalla parte della Lazio. Juventus e Inter, con il sostegno rispettivamente delle famiglie Agnelli e Moratti, senza contare che il Milan, il magnate italiano dei media Silvio Berlusconi, ha completato la scena nella vetta della Serie A. Grazie a questo ampio sostegno finanziario, il calcio italiano si è ritrovato sotto controllo. Sette competizioni forti dominano lo scudetto ogni stagione. La competitività è stata accertata guardando il record della Serie A dal 1998 al 2001, dove quattro squadre diverse avrebbero vinto i titoli del campionato italiano (1998: Juventus, 1999: Milan, 2000: Lazio, 2001: Roma).

Una tendenza che sta riemergendo?

Nelle ultime stagioni, possiamo vedere la rinascita di questo fenomeno con sette club che staccano la spina ai posti europei nella prima divisione: Juventus, Inter, Milan, AS Roma, Napoli, Lazio e Atalanta. Possiamo datare questa tendenza dalla stagione 2016/2017, quando tutti questi club sono finiti tra i primi sette del torneo. Rebelotte la prossima stagione dove assisteremo esattamente allo stesso fenomeno. La stagione 2018/19 vede l’arrivo di un ospite a sorpresa al vertice della classifica, il Torino che ha chiuso settimo, davanti all’ottava Lazio prima che quest’ultima riconquistasse il posto tra i primi sette nel corso della stagione 2019/2020. Lords Ranking “nella Serie A italiana, permettendoci di trovare le sette donne tra le prime sette della classifica. Nelle ultime quattro stagioni abbiamo ottenuto le migliori 7 volte tre volte, e comprende Juventus, Inter, Milan, Napoli. , Roma, Lazio e Atalanta. In questa stagione una volta. Altro, questi club hanno occupato i primi sette posti in classifica, indicando una lieve “terra di nessuno” con sei punti tra Lazio, settima con 40 punti, e Sassuolo, ottavo con 34 punti .

READ  Somerset Police Officer buys Christmas dinner for the family after a robbery call

Una buona cosa per la prima divisione?

Se guardiamo da un punto di vista liberale, allora possiamo dire che la presenza permanente di sette club al vertice della classifica italiana è un bene per il calcio italiano. Questo stabilizzerebbe i club più grandi e quindi ci darebbe grandi poster e una violenta lotta per i campioni. Grande promozione per i potenti che rende più facile e costosa la vendita del campionato italiano all’estero. Tuttavia, se assumiamo una visione più equa e socialista, possiamo chiederci se il divario tra i migliori club e il resto del campionato sia una buona cosa per la Prima Divisione. Il rischio di un divario così grande tra i primi 7 e il più grande che altri club potrebbero provocare rapidamente un campionato a due velocità se così non fosse, mettendo così a repentaglio la credibilità della Serie A al centro e in fondo alla classifica.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *