Il relitto della nave che ha cercato di avvertire il Titanic è stato trovato

Nel 1912, la SS Mesaba cercò di avvertire la nave britannica di un pericoloso iceberg. Il suo relitto è stato appena ritrovato più di un secolo dopo nelle acque del Mare d’Irlanda.

Piccola storia in grande. I ricercatori della Bournemouth University e della Bangor University nel Regno Unito hanno appena scoperto il relitto della SS Mesaba, nota per aver cercato di avvertire il Titanic dell’iceberg che ne causò la caduta.

La storia della SS Mesaba

La sera del 14 aprile 1912, una nave mercantile stava navigando attraverso l’Atlantico quando inviò via radio all’RMS Titanic per avvertirlo di un pericoloso iceberg al largo di Terranova. Da Mesaba al Titanic. Presenza di ghiaccio a latitudine da 42° a 41° 25° N e longitudine da 49° a 50° 30° O. Ho visto molto ghiaccio spesso e molti grandi iceberg, oltre a un campo di ghiaccio”. Questo messaggio avrebbe potuto cambiare il corso della storia, ma il destino ha deciso diversamente. La nave britannica riceve il messaggio, ma l’informazione non raggiunge le orecchie dell’equipaggio. Alle 23:40 ora locale, la nave colpì l’iceberg e affondò tre ore dopo, uccidendo 1.500 passeggeri.

Sei anni dopo, nel mezzo della prima guerra mondiale, la SS Missaba lasciò Liverpool per Philadelphia. Fu vittima di un siluro inviato da un sottomarino tedesco e fu anche testimone dell’affondamento. 20 persone sono state uccise, compreso il comandante.

Riconosciuto utilizzando la tecnologia più recente

Ci volle più di un secolo perché la SS Mesaba venisse ritrovata dopo la sua scomparsa. Gli scienziati hanno annunciato che quest’ultimo è stato visto nel Mare d’Irlanda dichiarazione. La scoperta è stata resa possibile dal sonar multibeam, il Multibeam Echo Sounder (MBES), che gli archeologi hanno utilizzato per le aree sottomarine dagli anni 90. Questo dispositivo utilizza le onde sonore per mappare i fondali marini, anche i più profondi.

READ  I più grandi palazzi in Francia e in Italia da acquistare, affittare o visitare

“In precedenza, potevamo immergerci solo in pochi siti all’anno per identificare visivamente i relitti. Questi sonar ci hanno permesso di sviluppare un metodo relativamente economico per ispezionare i relitti”dettagli Dr. Ennis McCartney, archeologo subacqueo, citando Francia occidentale.

Università di Bangor

Per cercare la SS Mesaba, il team ha utilizzato un sonar con una risoluzione di pochi decimetri ed è stato in grado di identificare 273 detriti su un’area di 20.000 chilometri quadrati. Tra i resti ci sono sottomarini, navi oceaniche, pescherecci e molte altre barche. Questi relitti sono stati controllati rispetto al database del British Hydrographic Institute che ha identificato la SS Mesaba.

Potrebbe interessarti anche:

Il Titanic è affondato a causa dell’aurora boreale?

⋙ Qual è stato il primo film sul Titanic?