Il Recovery Fund in Europa suscita le voglie della mafia

Storia – Impedire alla criminalità organizzata di dirottare centinaia di miliardi di euro distribuiti da Bruxelles agli Stati è stato al centro di un incontro a Roma tra agenti di polizia di 24 Paesi.

Roma

Come si può essere sicuri che 750 miliardi di euro di fondi europei per il piano di rilancio non finiscano in parte nelle mani della criminalità organizzata? Per tutelarne l’uso, la polizia italiana ha riunito a Roma, martedì e mercoledì, forze di polizia di 24 paesi europei, oltre a Europol e agenzie di coordinamento europee.

“La credibilità delle nostre istituzioni e il futuro della nostra economia dipendono dalla nostra capacità di spendere bene e onestamente questi soldi”.Lo ha annunciato in premessa il capo del governo, Mario Draghi.

Solo, spiega Vittorio Rizzi, comandante in seconda della polizia italiana, su iniziativa di questo incontro d’affari, “La criminalità è un sistema complesso la cui lotta richiede studio, strategia, anticipazione e impegno. Nessun Paese può agire da solo: tutto il mondo è interconnesso e le forze dell’ordine devono scambiarsi costantemente informazioni, soprattutto sul nuovo modus operandi criminale nel dopo- fase pandemica”.

Lavora su Rizzi

Questo articolo è solo per gli abbonati. Ti rimane il 75% da scoprire.

Sviluppare la tua libertà significa sviluppare la tua curiosità.

Continua a leggere il tuo articolo per 1€ nel primo mese

Già iscritto? accesso

READ  La magistratura italiana ha respinto la richiesta di scarcerazione totale del giovane belga coinvolto nello scontro

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *