Il primo caso di vaiolo delle scimmie è stato registrato in Egitto

L’Egitto ha ufficialmente segnalato il “primo caso di vaiolo delle scimmie”. Il paziente, un uomo di 42 anni, è “in isolamento in ospedale”, secondo le autorità. Il ministero della Salute aggiunge che il paziente è un egiziano che si reca regolarmente in Europa.

Questo è il primo caso di vaiolo delle scimmie in Egitto. Le autorità egiziane hanno spiegato che l’uomo “possiede un permesso di soggiorno di un Paese europeo che visita regolarmente”.

Da maggio, le infezioni da vaiolo delle scimmie sono aumentate al di fuori dell’Africa occidentale e centrale, dove era già un’epidemia. Tanto che l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha lanciato il massimo livello di allerta alla fine di luglio nel tentativo di controllare la malattia.

Tuttavia, finora il Nord Africa e il Medio Oriente sono sopravvissuti. Alla fine di agosto, l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha affermato di aver identificato solo 35 casi di vaiolo delle scimmie in sette paesi della regione. I soli Emirati Arabi Uniti hanno 13 casi confermati.

35 casi su 50.000 nel mondo arabo

In totale, questa malattia ha infettato più di 50.000 persone e ucciso 18 persone in tutto il mondo da maggio. Tuttavia, il 98% di questi casi si verifica in Europa e Nord America.

Il vaiolo delle scimmie può essere contratto attraverso uno stretto contatto fisico con una persona, un animale o una sostanza infetta. Di solito scompare da solo dopo due o quattro settimane. I primi sintomi sono febbre, mal di testa, dolori muscolari e alla schiena per cinque giorni. Quindi compaiono eruzioni cutanee sul viso, sui palmi delle mani e sulla pianta dei piedi, seguite da lesioni dolorose, vesciche e infine croste.

READ  Quando l'imprevisto si richiama alla scienza

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.