Il primo buco nero è stato rivelato in una nuova immagine sbalorditiva

In questo video, i ricercatori spiegano in dettaglio il metodo utilizzato per misurare la luce polarizzata

Due anni dopo la rivelazione della prima immagine diretta di un buco nero, la collaborazione dietro questa storica istantanea ne ha rilasciato una versione aggiornata, rivelando la polarizzazione della luce attorno all’oggetto.

“La polarizzazione è un potente strumento per esaminare le condizioni fisiche in uno degli ambienti più inospitali dell’universo”.

Il buchi neri Sono difficili da distinguere, perché la luce stessa non può sfuggire alla sua intensa attrazione. Ma c’è almeno un modo per distinguere la loro silhouette, grazie all’ambiente intenso che queste creature creano intorno a loro. Quando i buchi neri attirano enormi quantità di polvere e gas, questo materiale si riscalda e brilla in quello che viene chiamato a Disco di accumuloLasciando un’ombra circolare al centro.

Questo è esattamente ciò con cui ha collaborato il telescopio Orizzonte degli eventi (EHT) Catturato nell’aprile 2019 da Ora un’immagine iconica Un buco nero supermassiccio appare al centro della galassia M87, Situato in un isolato vergine, A circa 55 milioni di anni luce di distanza.

Per questi nuovi lavori pubblicati inThe Astrophysical Journal LettersGli scienziati hanno condotto un’analisi di tracciamento dei dati per misurare la polarizzazione della luce attraverso l’anello del mostro cosmico. Poiché la luce è polarizzata quando attraversa i campi magnetici attorno al buco nero, misurare la direzione di quest’ultimo ci permette di capire meglio cosa sta succedendo in questo ambiente misterioso.

Un’immagine aggiornata di un buco nero nella galassia M87 in collaborazione con l’Event Horizon Telescope (EHT). Le linee bianche rappresentano la polarizzazione della luce nell’anello, che potrebbe rivelare nuovi indizi sul campo magnetico in questo ambiente estremo – © EHT Collaboration

« La polarizzazione è un potente strumento per indagare le condizioni fisiche in uno degli ambienti più inospitali dell’universo. Lui spiega Colin LonsdaleCapo del consiglio del telescopio Orizzonte degli eventi. « Non solo può fornire indizi sulla forza e la direzione dei campi magnetici, ma anche su come questi campi sono organizzati, e forse anche qualcosa sulla materia invisibile che si trova tra noi e la materia. L’origine delle onde radio. »

Una migliore comprensione della formazione di potenti getti di plasma da alcuni buchi neri supermassicci

Nello specifico, il team ha cercato di saperne di più sui potenti getti di materia che emettono alcuni di questi buchi neri supermassicci, uno strano fenomeno per oggetti così voraci, che dovrebbero logicamente assorbire enormi quantità di materia piuttosto che respingerla. Osservando la polarizzazione della luce vicinoOrizzonte degli eventiQuindi, eseguendo i modelli per completare il miglior adattamento, gli scienziati hanno scoperto che il gas fortemente magnetizzato potrebbe spiegare questi getti.

« Le nuove immagini di polarizzazione indicano che il flusso forte è formato dal flusso di plasma oscurato dai campi magnetici allineati vicino al buco nero, contrastandone la forte gravità. Conclude Kotaro MoriyamaCoautore dello studio.

READ  Light of Death 2: Techland brise le silence

You May Also Like

About the Author: Adriano Marotta

"Pluripremiato studioso di zombi. Professionista di musica. Esperto di cibo. Piantagrane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *