Il percorso ufficiale del giro d’Italia

Il Giro d’Italia 2023 inizierà con 18,4 km di pista ciclabile strepitosa lungo la costa abruzzese e si concluderà con una tappa a circuito nella Roma storica, con un totale di 70, 6 km di tempo ma anche sette traguardi in vetta e difficili la scorsa settimana attraverso le Dolomiti e le Alpi Giulie.

La gara del 2022 prevedeva solo 26,2 km di prove a cronometro, una con partenza a Budapest e un’altra nella fase finale intorno a Verona. La 106a edizione della Corsa Rosa di 3.448 km prevede tre prove a cronometro, con una cronometro in piano di 33,6 km in Emilia Romagna a metà gara e un’ultima cronometro in montagna di 18,6 km tra Tarvisio e Riserva del Monte Lusari durante la 20a tappa. L’ultima volta che il Giro ha testato più di 70 chilometri è stato nel 2013.

Il raddoppio della distanza di prova al Giro del prossimo anno tenterà sicuramente Remco Evenepoel (QuickStep-AlphaVinyl), Primoz Roglic (Jumbo-Visma) e Geraint Thomas (Ineos Grenadiers). Ma il percorso del 2023 prevede anche un totale di 51.300 metri di salite e arrivi in ​​montagna a Campo Imperator, Crans-Montana in Svizzera, Monte Bondon, la poco conosciuta Val de Zoldo e Tre Chaim de Lavaredo.

La tappa sale verso il Colle del Gran San Bernardo in Svizzera, a 2.469 metri sul livello del mare, assegnando il Premio Sima Kobe al primo corridore a conquistare la salita più alta della corsa. La tappa Tre Cime di Lavaredo termina a 2.304 m e probabilmente sopra il limite delle nevicate a fine maggio.

Il Giro d’Italia 2023 partirà sabato 6 maggio e si concluderà il 28 maggio, con otto tappe adatte ai corridori e quattro tappe di montagna ideali per una rottura aggressiva. La prima settimana si svolgerà nel sud Italia prima di dirigersi a nord attraverso la Toscana, Torino, Bergamo e le Dolomiti.

La scelta della sede per la fase finale è ricaduta sul business più che sull’ambiente, con l’accordo iniziale con Trieste sostituito da un accordo più redditizio e prestigioso da concludere nella capitale, Roma. Ciò significa che i corridori e il Giro Caravan dovranno percorrere 750 km in auto, treno o aereo fino alla tappa finale del circuito.

Presentato lunedì a Milano il tracciato completo del Giro d’Italia 2023. Il vincitore della classifica generale 2022, Jay Hindley (Bora Hansgrohe), è stato uno degli ospiti d’onore, così come il vincitore della maglia del Cyclameno, Arnaud Demar (Groupama-FDJ) e la maglia blu dello scalatore, Quinn Bowman (Jumbo Visma).

READ  Italia, Portogallo, Algeria... Chi si qualificherà dal 24 al 30 marzo?

I precedenti vincitori Vincenzo Nibali e Alberto Contador erano presenti anche allo stadio Giorgio Gaber Teatro Lerico nel centro di Milano, entrambi in corsa per un posto in gara per le proprie squadre. Nibali lavora con il nuovo Swiss ProTeam di Doug Ryder e il marchio di abbigliamento q36.5, mentre Contador fa parte del team di gestione del Team Eolo.

Prima settimana del Giro 2023

La regione Abruzzo ospiterà solo per la seconda volta il Giro d’Italia Grande Partenza. La settimana di apertura si svolgerà a South Bell Pais, con un mix di fasi sprint e sprint attraverso Molise, Puglia, Basilicata, Campania e Napoli.

L’esperienza inaugurale di 18,4 chilometri si svolge sulla pista ciclabile costiera Ciclovia dei Trabocchi, lungo una bellissima linea ferroviaria deviata che si snoda tra capanne di pescatori e piccole spiagge. L’arrivo sarà ad Ortona con una leggera salita di 1 km fino al traguardo.

I corridori hanno la loro prima possibilità nella seconda tappa e sul lungomare di San Salvo Marina, mentre alcuni potrebbero sopravvivere a una salita in ritardo sul Monte Altair e sparare a Melfi nella terza tappa.

La prima vetta della quarta tappa, al Lago Laceno, dovrebbe essere completata dopo 184 km di gara e 3.500 metri di dislivello. Può portare alla prima lotta per la vittoria finale e il cambio del leader della corsa.

La tappa di quest’anno intorno a Napoli è stata spettacolare quando ha affrontato Matteo van der Poel (Alpesin-Dekoninck), Beniam Germay (Intermarche-Wante-Joubert Matriaux) e Thomas de Gendt (Loto Soudal) vincendo la tappa. L’anno prossimo la tappa sprint si concluderà a Salerno, quindi la tappa 6 visiterà Sorrento e Amalfi in una tappa mozzafiato ma impegnativa con partenza e arrivo a Napoli.

La prima settimana prevede il ritorno in Abruzzo e la fine di una cima al Campo Imperator, all’ombra del Gran Sasso, a 2.135 metri. La graduale salita prosegue fino alla fine 45 km, solo una metà pseudo-piana per dare una tregua. La settima tappa, da Terni a Fosombrone nelle Marche, offre poche possibilità di recupero, con 2.500 m di dislivello sul breve ma ripido “Mori” spesso utilizzato nella Tirreno-Adriatico, a soli cinque chilometri dal traguardo.

READ  Giovanni Paolo I, l'effimero "papa sorridente", canonizzato a Roma

La nona tappa a cronometro si corre su strade pianeggianti in Romania, vicino a Rimini. Il percorso di 33,6 km parte da Savignano al Rubicone e termina a Cesena, presso la sede di Technogym. Piloti come Evenepoel e Roglic possono guadagnare più di un minuto sui loro concorrenti a questo punto e finire la prima settimana con la Maglia rosa.

seconda settimana

Dopo il primo giorno di riposo di lunedì, il Giro attraversa la Toscana e poi si dirige a nord, in Piemonte, per le previste tappe sprint di Viareggio e Tortona, sebbene entrambe le tappe comprendano oltre 2.000 metri di dislivello.

Le cose cambiano nella tappa 12 di Rivoli, con il passaggio a salite più grandi e difficili. La conclusione della tappa di 179 chilometri si dirige verso le colline a ovest di Torino, quindi segue strade a gradini fino al traguardo.

La tappa 13 porta la Corsa Rosa dall’Italia a finire sulla cima della montagna a Crans-Montana in Svizzera, l’unica sezione del 2023 al di fuori dell’Italia. La tappa di 208 km presenta un dislivello di 5.100 metri, con la Cima Coppi del Colle del Gran San Bernardo di 2.465 m al Giro 2023. La tappa prevede anche una Croix de Cœur di 15 km, prima di salire verso l’arrivo alla stazione sciistica.

Il fine settimana sarà una celebrazione del ciclismo italiano, con arrivo a Cassano Magnago, città natale di Ivan Basso, e poi una tappa in montagna intorno a Bergamo che coprirà molte delle salite della Lombardia. Il tifo locale, entusiasta del ciclismo, avrebbe dovuto invadere le strade in questi due giorni.

Terza settimana del Giro 2023

Dopo un secondo giorno di riposo lunedì, i corridori si dirigono a est, in Trentino, per il Giro Classic in montagna dell’ultima settimana.

La tappa 16, da Sabbio Chiese al Monte Bondone, inizia dolcemente vicino al Lago di Garda ma include 5.200 m di dislivello sulla strada per la cima della montagna. La tappa copre 10 km di strada da Aldeno per raggiungere l’arrivo al Monte Bondone che comprende il 15% di tratti.

Questa alta montagna esposta è sinonimo dell’attacco a Charly Gaul durante una tempesta di neve nel 1956. Il direttore di gara Mauro Vigni spera in una giornata storica simile, ma forse con un po’ meno di neve.

READ  Non aspettarti che i lettori migliorino quando chiude una libreria

L’unica tregua in termini di arrampicata è durante la 17a tappa, con un percorso verso Caorle, sulla costa veneta, che ha regalato ai corridori un periodo difficile.

Le montagne tornano nella 18a tappa in un “trittico” a tre tappe che metterà alla prova i contendenti al titolo. Se i guerrieri del miglior tempo a questo punto avessero ancora un vantaggio in classifica generale, sarebbero sicuramente attaccati da alpinisti puri.

La 18a tappa si sposta da Oderzo alla Val di Zoldo. È lunga solo 160 km, ma RCS Sport le ha assegnato quattro stelle, su un massimo di cinque, per la difficoltà. L’arrivo prevede Forcella Cibiana e la prima visita alla salita del Coi, che comprende quattro chilometri con oltre il 10% e tratti del 19% a soli cinque chilometri dall’arrivo.

La diciannovesima tappa è la tappa classica o tappa gigante del Giro d’Italia. Il tratto di 182 km da Longarone alle Tre Cime di Lavaredo richiede 5.400 metri di dislivello attraverso le meravigliose Dolomiti.

La seconda metà della tappa prevede Paso de Campolungo, Paso Valbarola, Paso Giao il Terribile, Paso Tre Crosi per poi salire alle Tre Cime di Lavaredo, dove Nibali ha vinto la motoslitta nel 2013.

Il trasporto porta i ciclisti a est vicino al confine con la Slovenia su una cronometro in montagna di 18,6 chilometri tra Tarvisio e Monte Losari. È più probabile che perdere il giroscopio venga vinto sulla strada del canyon di 10 chilometri e poi salire fino al traguardo su strade di cemento. RCS Sport lo paragona al centrocampo di Zoncolan. La salita media è del 12%, con i primi 4,5 chilometri in salita del 15%!

La decisione tardiva di saltare Trieste e guidare 750 km a sud fino a Roma significa che il vincitore del Giro d’Italia 2023 sarà incoronato fuoristrada nella capitale e intorno alle rovine della Fore Imperiale, il Colosseo. Il Giro d’Italia 2023 è senza dubbio una gara di gladiatori, con l’ultimo corridore che ha battuto la Maglia rosa a Roma.



You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.