Il Paris Saint-Germain batte il Barcellona con un eccezionale tre di Mbappe

Quattro anni dopo la grave sconfitta al Camp Nou, il Paris Saint-Germain è diventato, martedì, il primo club francese a battere il Barcellona, ​​nell’andata del 16 ° turno di Champions League (4-1). Grazie ad un’eccezionale tripletta di Mbappe in particolare, la qualificazione ai quarti di finale è in pieno svolgimento.

L’insulto non è completamente eliminato, sarà necessario convalidare la qualificazione entro tre settimane, ma una stagione ancora più gloriosa è arrivata per completare marzo 2017. Quattro anni dopo il terribile ritorno del Camp Nou, il Paris Saint-Germain martedì ha avuto un Serata decisamente migliore nella tana del Barcellona, ​​andando per il successo diffuso e meritato nelle fasi a eliminazione diretta di Champions League (4-1).

Se la storia europea della capitale ci insegna a non immaginare molto, allora il Paris Saint-Germain inizierà comunque il ritorno, il 10 marzo, con un netto vantaggio. Ragioniere, è ovvio, ma è anche psicologico. Perché anche senza Neymar e Angel Di Maria, il campione francese ha dominato per invidia il club catalano, soprattutto nel match.

>>> Iscriviti a RMC Sport e goditi la Champions League

Mbappe, il trio standard

Ma l’inizio della partita, martedì sera, ha ricordato ai tifosi parigini un vecchio incubo, quello di riaprirsi a una decisione arbitrale sfavorevole. Pochi minuti dopo un grave fallimento di Mauro Icardi contro Marc-André ter Stegen (19), Levin Kurzawa si è reso colpevole di uno sfortunato fallo di Frenkie de Jong nel suo distretto. pena. Lionel Messi. 1-0 (27).

Cosa raffreddare il Paris Saint-Germain? È sufficiente per lanciare il Festival Mbabé. Davvero interessante durante la prima mezz’ora, sia in termini di tecnica che di posizione, visto che il parigino n. 7 ha pareggiato con un passo, mettendo fuori combattimento Lenglet da un bel passaggio prima del tiro dalla sinistra di Ter Stegen (1-1, 32).

READ  Uno dei suoi parenti autorizzati parla e discute delle sue condizioni di salute

Il campione del mondo francese è stato criticato – in modo un po ‘logico – durante l’inverno per le sue numerose perdite di palla e l’individualità emergente, e ha presentato una versione impeccabile. Il mobile e aggressivo Mbappe ha portato sfortuna al Dest e al cardine del Barcellona Pique Lenglet. E a 65 anni è stato lui a privilegiare Parigi rivendicando una posizione che si discostava dal fiorentino (1-2). Doppio, poi Triplo: mentre Kane ha segnato il terzo gol parigino con un colpo di testa su punizione di Paredes (3-1, 70), l’attaccante francese ha concluso una serata del suo sogno di aprire perfettamente il piede destro nella trasformazione di Draxler. (4-1, 85).

Padroneggia il verrate

Se Paredes, Icardi, Marquinhos o Florenzi, per citarne solo alcuni, brillano al Camp Nou, allora l’altra prestazione che va evidenziata sul versante parigino è senza dubbio quella di Marco Verratti. In assenza di Neymar e Di Maria, il giovane italiano ha dovuto vestirsi da maestro, direttore d’orchestra. Non ha fallito.

Posizionato più in alto di Leandro Paredes e Idrissa Gueye (ammonito in anticipo e sostituito con Herrera a riposo), la massa solida precedente del Pescara ha raddoppiato le leve palla e mandato millimetri, come i suoi deliziosi passaggi dall’esterno sul pareggio di Mbappé. Tutto questo senza contare i suoi sforzi, e senza alcuna esitazione, nessuna palla ha recuperato, come è successo quando si è distinto per un intervento gentile ai piedi di Griezmann nella regione parigina (21).

Sembra imbarazzato da un leggero dolore al polpaccio, è caduto a centrocampo in ordine in circa un’ora di gioco. Ma almeno è riuscito – e non ha vinto – a non essere avvertito fino a quando non è stato eliminato al 73 ‘. vi diciamo.

READ  Quindici anni fa, Philip Gilbert ha domato l'Heat Falk e ha vinto il suo primo campionato classico

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *