Il ministro degli Esteri italiano in visita in Algeria per incontrare i ministri algerini

BAGHDAD: Migliaia di sostenitori del leader sciita Muqtada al-Sadr terranno le tradizionali preghiere del venerdì in Iraq nella Zona Verde di Baghdad, fortemente protetta, in una nuova dimostrazione di forza da parte dell’influente politico in vista delle elezioni legislative anticipate dai suoi oppositori. certe condizioni.

Migliaia di manifestanti sadristi si sono accampati presso il palazzo del parlamento in questa zona verde, il nome del lussuoso quartiere circondato dal cuore della capitale, sede di istituzioni statali e ambasciate sulle rive del fiume Tigri, per quasi una settimana.

Le manifestazioni sono scoppiate in segno di protesta contro la nomina del primo ministro presentata dagli oppositori di Sadr, le potenti fazioni sciite filo-iraniane sotto il coordinamento.

Beneficiando della sua capacità di mobilitare le masse, Muqtada al-Sadr ha intensificato la pressione sui suoi rivali e chiede lo scioglimento del parlamento e lo svolgimento di elezioni legislative anticipate, a meno di un anno dalle ultime elezioni vinte.

Venerdì, migliaia di sostenitori di Sadr si sono riversati in una grande piazza nella Green Zone per prendere parte alla tradizionale preghiera di mezzogiorno, che dovrebbe iniziare intorno a mezzogiorno (0900 GMT).

Al riparo dal sole con ombrelloni a una temperatura di 42 gradi, sventolando bandiere irachene e immagini di Muqtada al-Sadr, uomini – e alcune donne – hanno camminato a lungo verso il sito, alcuni gridando “Sì, sì al sig.

“La preghiera di oggi è la preghiera di un milione di uomini”, auspica Qasim Abu Mustafa, funzionario di 40 anni: “È una spina (nel fianco) del nemico, la richiesta di elezioni e di riforme legislative”. “.

“Signor Al-Sadr, qualunque sia la sua opinione, siamo con lui.”

READ  This is what happens to all vacation days that are never used

“Un ambiente sicuro” per votare

A dieci mesi dalle elezioni legislative, l’Iraq è ancora in attesa della nomina di un nuovo primo ministro e presidente della repubblica, sullo sfondo di interminabili negoziati e dispute politiche.

Nel ballottaggio dell’ottobre 2021 il movimento sadrista, che rappresenta il primo blocco con 73 deputati, ha vinto all’interno di un parlamento frammentato in cui nessun campo è stato in grado di costruire una netta maggioranza tra i 329 eletti.

Non essendo riuscito a raccogliere una tale maggioranza per nominare un primo ministro, al-Sadr ha invitato i suoi vice a dimettersi a giugno, lasciando il compito di formare un governo ai suoi oppositori. In un discorso televisivo mercoledì, ha chiesto elezioni legislative anticipate.

“Sono sicuro che la maggioranza della popolazione è arrabbiata con l’intera classe dirigente, compresi alcuni (politici) che appartengono alla nostra corrente”, ha ammesso il leader sciita.

Che importa se i lealisti di Muqtada al-Sadr occupano i ranghi più alti nei ministeri? I suoi sostenitori lo vedono come una figura dell’opposizione e un campione anticorruzione.

Lo scioglimento del Parlamento deve essere registrato a maggioranza assoluta e può essere richiesto da un terzo dei Deputati, o dal Presidente del Consiglio con l’approvazione del Presidente della Repubblica.

Gli oppositori di Al-Sadr gli hanno risposto giovedì sera tardi, dicendo che sono aperti a elezioni legislative anticipate a determinate condizioni.

La coalizione ha affermato in una breve dichiarazione rilasciata giovedì sera che “il quadro di coordinamento afferma il suo sostegno a qualsiasi modo costituzionale per risolvere le crisi politiche e lavorare a beneficio del popolo, comprese le elezioni anticipate”.

Il comunicato stampa ha sottolineato che qualsiasi elezione dovrebbe aver luogo “dopo che è stato raggiunto un consenso nazionale su questo tema e viene fornito un ambiente sicuro per la sua condotta”.

READ  Verificato il piano di ripresa dell'Italia: il Paese riceverà quasi 200 miliardi di euro

L’alleanza di potenti milizie sciite fedeli all’Iran comprende le ex fazioni paramilitari della Mobilitazione popolare, integrate nelle forze regolari, nonché il partito dell’ex Primo Ministro Nuri al-Maliki.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.