Il leone scappato in Italia torna nella sua gabbia: “Non ha avuto nemmeno per un momento l’istinto di attaccare un essere umano”.

Il leone scappato in Italia torna nella sua gabbia: “Non ha avuto nemmeno per un momento l’istinto di attaccare un essere umano”.

Per cinque ore Kimba, un leone adulto scappato dal circo, ha vagato per le strade di Ladispoli. Il suo proprietario ha confermato domenica che non rappresenta un pericolo reale, mentre in Italia si alza il tono contro la presenza di animali nei padiglioni.

I residenti di questa città costiera vicino Roma sono stati invitati a rimanere nelle loro case sabato, mentre il leone vagava per le strade di quartieri residenziali bui e deserti, tra le auto parcheggiate, secondo i videoclip pubblicati dai media italiani.

A metà serata il sindaco della città, Alessandro Grando, ha annunciato che il gatto era stato drogato e arrestato.

Ronnie Vassallo, allevatore di animali al Ronnie Roller’s Circus, conferma che Kimba, che ha otto anni, rappresenta solo un leggero pericolo.

“Ha incontrato persone in un ambiente a cui non era abituato… e non è successo nulla, e non ha nemmeno avuto l’istinto di attaccare qualcuno”, ha detto all’AFP.

Piuttosto, Ronnie Vassallo temeva che Al-Assad “sarebbe stato danneggiato da qualcuno a causa della paura o dell’eccessivo entusiasmo”.

Non lontano, vicino alla tenda rossa e bianca dove erano ben avviati i preparativi per lo spettacolo di domenica pomeriggio, Kemba faceva 100 passi nella sua gabbia, ruggendo di tanto in tanto.

Il signor Vassallo dice che a Kemba è stata somministrata solo una lieve dose di sedativi e si è svegliato quasi immediatamente. I veterinari che lo hanno visitato hanno concluso che il suo viaggio non aveva causato effetti collaterali.

L’intera squadra del circo era “molto turbata e molto stressata” dopo la sua scomparsa, dice il responsabile degli animali, la cui famiglia gestisce il circo itinerante.

READ  Pastamania nei tuoi piatti

Secondo lui non è una coincidenza.

Vassallo afferma di aver controllato personalmente la gabbia metallica un’ora prima che il leone scappasse, e che “tutto andava bene”.

Mostra come la porta si apre verso l’interno ed è tenuta insieme da un catenaccio scorrevole e da una catenella leggera con un piccolo lucchetto.

“È molto strano”, ha ammesso, rifiutandosi di commentare le informazioni relative al possibile sabotaggio, sottolineando che l’indagine è in corso.

Kimba è nato e cresciuto in cattività con i suoi due fratelli Zeus e Ivan e sua sorella Maya.

Il circo conta nove gatti, tra cui tigri, ma anche elefanti, cammelli, cavalli e persino bisonti.

Quanto accaduto a Ladispoli “evidenzia la pericolosità dei circhi con animali dal punto di vista della sicurezza pubblica”, ha risposto l’associazione animalista OIPA.

Evidenzia anche “il disagio provato da queste povere creature costrette alla prigionia per motivi di divertimento”, continua.

Più di 20 paesi europei hanno vietato o limitato severamente l’uso degli animali nei circhi. Per l’Italia non è così.

È stata elaborata una legge, ma il voto è stato rinviato quest’anno al 2024, secondo l’organizzazione per i diritti degli animali LAV, che stima che poco meno di 2.000 animali siano tenuti nei circhi in Italia.

Anche il sindaco Ladispoli, che ha chiesto ai suoi elettori di restare a casa in attesa della cattura di Assad, ha chiesto che la pratica venga modificata.

Ha detto: “Spero che questo episodio possa sensibilizzare l’opinione pubblica e che finalmente metteremo fine allo sfruttamento degli animali nei circhi”.

Per Vassallo i critici “non conoscono la verità sui fatti, sul modo in cui vengono trattati gli animali nei circhi e sui controlli che vengono attuati”.

READ  Carla Bruni: tutta abbronzata in un vestitino da bambolina, sussurra dolci parole in italiano alla Mostra

Nel quartiere circostante, i residenti intervistati dall’AFP hanno espresso il loro sostegno al circo e sembravano più preoccupati per la sorte di Assad che per la sicurezza del pubblico.

«Avevo un po’ paura, ma poi nei video si vedeva che era un bravo leone», racconta Barbara Rosolino, 47 anni.

“Voleva andare a casa e si vedeva che era spaventato.”

You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *