Il James Webb Telescope rivela la prima immagine di un esopianeta

Il James Webb Space Telescope ha catturato la prima immagine diretta di un esopianeta, cioè un pianeta al di fuori del nostro sistema solare, secondo un blog della NASA giovedì.

• Leggi anche: Lussuosa galassia a spirale nell’occhio del telescopio James Webb

• Leggi anche: Ritorno delle spedizioni lunari: ‘Nessuna scienza ad Artemide’

Questo pianeta è un gigante gassoso, dove la vita come la conosciamo è impossibile.

“Questo è un punto di svolta, non solo per Webb ma per l’astronomia in generale”, ha affermato l’agenzia spaziale statunitense Sasha Hinckley, professore di astrofisica all’Università di Exeter.

L’esopianeta, che risponde al nome HIP 65426 b, è da sei a 12 volte la massa di Giove, una stima che il telescopio dovrebbe aiutare a perfezionare.

La NASA ricorda che ha da 15 a 20 milioni di anni, che è piccolo su scala planetaria, specialmente se lo confrontiamo con la Terra e ha circa 4,5 miliardi di anni.

Questa non è la prima volta che viene scattata un’immagine diretta di un esopianeta. Il leggendario Hubble Space Telescope, lanciato nel 1990 e ancora in funzione, ha già fatto proprio questo.

Questa immagine “illustra la via da seguire per l’esplorazione di esopianeti da parte di Webb”, ha affermato la NASA.

READ  Random: Flick the Wii U, it's time for some Banjo-Kazooie and Blast Corps

L’agenzia sta dando seguito al fatto che il James Webb Telescope ha dipinto con successo l’immagine “solleva possibilità future per lo studio di mondi lontani”.

La foto è stata pubblicata in quattro copie, ogni volta utilizzando un filtro ottico diverso.

La grande distanza tra questo esopianeta e la sua stella ha reso facile distinguerli.

“Ottenere questa immagine è stato come cercare un tesoro nello spazio”, ha detto Irene Carter, ricercatrice dell’Università della California, Santa Cruz, che ha lavorato all’analisi del filmato.

Un gioiello di ingegneria del valore di dieci miliardi di dollari, il James Webb Telescope effettua le sue osservazioni a 1,5 milioni di chilometri dalla Terra.

Alla fine di agosto, ha rilevato per la prima volta la presenza di anidride carbonica nell’atmosfera di un esopianeta, una scoperta che ha suscitato l’interesse degli scienziati a continuare le sue osservazioni.

You May Also Like

About the Author: Adriano Marotta

"Pluripremiato studioso di zombi. Professionista di musica. Esperto di cibo. Piantagrane".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.