Il governatore di Tabuk presenta il progetto NEOM ai residenti della regione

PECHINO: “Piacere di vederti”: sei mesi dopo il suo trionfante ritorno dal Canada, il chief financial officer di Huawei, Meng Wanzhou, ha fatto la sua prima apparizione sui media in Cina lunedì dal suo rilascio.

L’arresto della figlia del fondatore del colosso cinese delle telecomunicazioni a Vancouver alla fine del 2018 ha segnato l’inizio di una grave crisi diplomatica tra Pechino e Ottawa, con la parallela detenzione in Cina di due canadesi.

Dopo quasi tre anni di procedimenti, Meng Wanzhou è stata finalmente rilasciata alla fine di settembre 2021 ed è tornata in Cina.

A parte una breve dichiarazione al suo arrivo in territorio cinese, Lady Meng non aveva più parlato pubblicamente da allora.

Lunedì, dalla sede di Huawei a Shenzhen (sud), il CFO ha commentato i risultati annuali dell’azienda, che l’amministrazione Trump ha inserito nella black list statunitense.

Nonostante le sanzioni, il colosso delle telecomunicazioni ha registrato profitti record per il 2021, in crescita del 76% su base annua a 113,7 miliardi di yuan (16,2 miliardi di euro).

Tuttavia, il fatturato è diminuito del 28,5%, a 636,8 miliardi di yuan (91,2 miliardi di euro).

Nonostante la pressione di Washington, “la nostra capacità di realizzare profitti e generare flussi di cassa è in aumento”, ha affermato Meng Wanzhou.

“Siamo in grado di gestire meglio l’incertezza”, ha detto a una manciata di giornalisti riuniti in una stanza che ricorda lo splendore di un palazzo europeo ora.

sospetto
Huawei non ha rilasciato dettagli sul numero di telefoni cellulari venduti l’anno scorso.

Ma le sue vendite di prodotti cosiddetti “general audience”, che includono in particolare gli smartphone, hanno registrato un calo di quasi il 50% nel 2021.

READ  La Borsa di Parigi ha chiuso la settimana con una nota positiva

Il marchio era una volta uno dei primi tre produttori di smartphone al mondo, insieme alla coreana Samsung e all’americana Apple.

Ha mantenuto il primo posto per un breve periodo, sostenuto dalla domanda e dalle vendite cinesi nei mercati emergenti, prima di essere colpito dalle sanzioni statunitensi.

Indossando un vestito nero con una spilla a farfalla, la signora Meng non ha menzionato apertamente le sue battute d’arresto in Canada. Ma ha detto che era “contenta” di essere di nuovo presente per i risultati del gruppo “quattro anni dopo” il suo ultimo fidanzamento.

Il 1° dicembre 2018, durante una sosta all’aeroporto di Vancouver, il CFO di Huawei è stato arrestato su richiesta delle autorità statunitensi.

Meng Wanzhou è stato accusato di aver mentito per aggirare le sanzioni statunitensi contro l’Iran. Un reato punibile con più di 30 anni di carcere negli Stati Uniti, dove è stata minacciata di estradizione.

Pochi giorni dopo il suo arresto, la Cina a sua volta ha arrestato due canadesi e li ha accusati di spionaggio, una misura ampiamente vista come una ritorsione.

false dichiarazioni
Erano Michael Kovrig, un ex diplomatico che una volta ha lavorato a Pechino, e il consulente e uomo d’affari Michael Spavor, specializzato in Corea del Nord.

A differenza dei “Due Michael”, che hanno subito dure condizioni di detenzione, Meng Wanzhou è stato in grado di rimanere agli arresti domiciliari in una delle sue ville a Vancouver, sotto un braccialetto elettronico.

Dopo anni di detenzione descritti come “diplomazia degli ostaggi”, tutti sono stati finalmente in grado di tornare a casa nel settembre 2021.

Questo esito è stato reso possibile dal governo Usa, che ha proposto ai tribunali di “rinviare” il procedimento contro Meng Wanzhou fino alla fine del 2022.

READ  Processo in Vaticano: l'accusato dice che Francesco lo sapeva

Secondo la giustizia statunitense, la sig.ra Meng riconosce di aver rilasciato “dichiarazioni false” e “nascosto la verità” sulle attività di Huawei in Iran.

A seguito di tale decisione, a settembre la magistratura canadese ha chiuso il procedimento di estradizione della signora Meng, consentendole di riconquistare la sua libertà.

Se l’accordo legale delle autorità statunitensi con Meng Wanzhou non verrà impugnato o risolto entro il 1° dicembre 2022, le accuse contro di lei verranno definitivamente ritirate.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.