“Il giorno in cui Pasolini mi ha partorito al cinema”

Quest’anno si celebra il centenario della nascita di Pier Paolo Pasolini, il grande poeta del neorealismo italiano. L’opportunità di dire perché il suo “Vangelo secondo Matteo” mi ha convinto a dedicare la mia vita al cinema.

Niente schermo cinematografico, niente velluto sui braccioli, ma un semplice televisore e un cuscino squallido come una poltrona: non è proprio questa l’idea che hanno i guardiani del Tempio del Cinema. Ma va detto che, come in Raskolnikov Delitti e sanzioniho vissuto in un armadio e, come lui, affitti in ritardo così come a “Una sensazione malata di vago terrore” mi ha esortato a evitare il proprietario; che viveva anche lui al piano di sotto e aspettava la sua porzione. Non avevo né i mezzi per pagarlo, né per pagare un biglietto del cinema in questo sobborgo fittizio della parte orientale di Lione. Avevo ventun anni, uno studente naufrago, il futuro sembrava incerto, e forse già morto. Le quattro pareti bianche ingiallite di tabacco su cui erano installate piccole copie di Edvard Munch non aiutavano molto a vedere oltre. Inoltre, alla fine del corridoio e del suo linoleum, c’erano solo un bagno e servizi igienici comuni. prestigio, cornice Guernica Sotto forma di uva, raccoglieva polvere sul frigorifero, le cui bianche vibrazioni rendevano la notte ancora più inquietante.

Per divertimento, ho aggiunto un profilo sintonizzatore Ad Amstrad (il predecessore dei computer di oggi) per trasformarlo in un televisore: per trovare un canale ho girato un dischetto, come facevo con le vecchie radio. Il Piccolo Illuminatore è giustamente chiamato per gli spiriti un po’ prostrati che in particolare non vogliono incrociarsi con il loro proprietario.

READ  5 buoni motivi per tuffarsi in un film di Matteo Rossi

Tuttavia, il 5 aprile 1998, sono arrivato troppo tardi per ascoltare i titoli di coda cinema di mezzanotte, la musica toccante di Francis Lay, i volti di grandi amanti del cinema che si sostituiscono l’un l’altro, la meravigliosa voce sinistra e la storia feroce di Patrick Brion. È troppo tardi per vedere una buona parte del film: l’Annunciazione, i Magi, la nascita e l’infanzia di Cristo, la fuga in Egitto, il battesimo di Giovanni… Li ho scoperti dopo.

Niente in comune con la Bibbia che Hollywood ha visto

No, quella notte di primavera sono atterrato in un deserto nero come il jet, come cumuli di scorie rivestiti di carbone, a metà del film. Un demone con un idiota dal volto terroso, ma imponente sotto il suo mantello, tentò invano Gesù lì, e giacque a terra, inginocchiato per quaranta giorni e quaranta notti, e volse il palmo verso il cielo. Come me, come Raskolnikov, questo Cristo era febbricitante. La morbidezza dei suoi lineamenti, strofinando duramente le spalle “Porta la spada”.

Il montaggio, ritagliato ma accarezzato, è come un flusso di coscienza tanto caro a Faulkner. Non c’era niente in comune con gli episodi biblici che Hollywood rendeva glamour E il cartone: tutto è stato spogliato ed eruttato in colori piatti, sfumature di grigio, classici toni freddi, gospel, pianti, grazia, bellezza. Come può una tale perversione atea e comunista restaurare con tanta forza e amore un catechismo così ostile con artisti di questo tipo, in un modo che possa toccare i più anticlericali? L’uomo sulfureo è morto, schiacciato sotto le gomme della sua Alfa Romeo? Forse la bellezza dell’uomo, e il suo carattere sacro, con Pasolini, non hanno nulla a che fare con una qualche forma di trascendenza. Così con Cristo, che non vede in lui il Figlio di Dio, ma come persona». L’umanità è così sublime, rigorosa e perfetta che va oltre le condizioni ordinarie dell’umanità “.

READ  Sessantesimo anniversario di Citroen Ami

anche in Vangelo di San MatteoPassione e sensualità hanno la semplicità evangelica del volto: il 5 aprile 1998 ho pianto con Maria (interpretata dalla madre del regista) che si sgretolava dal dolore davanti al figlio crocifisso. dopo “Bene” È stato mostrato sul cartoncino color crema del film, e io sono sceso dal mio lettino singolo, pieno di nuove speranze: dedicare la propria vita al cinema è stata finalmente un’occasione per riconnettersi con la vita; Il mio primo Pasolini mi sembrava una rinascita, e senza un briciolo di fede mi dicevo che c’era davvero qualcosa di sacro: non solo l’uomo, ma anche il cinema.

You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.