Il gas esilarante può curare la depressione

Il ossido nitrosoIl gas esilarante, noto anche come gas esilarante, ha mostrato risultati promettenti come trattamento per la depressione. Nuovo annuncio di scienziato. Uno studio su un piccolo gruppo di pazienti ha mostrato che le persone depresse che hanno inalato una bassa dose di gas hanno visto migliorare le loro condizioni nelle due settimane successive. È noto da tempo che il protossido di azoto può fornire brevi miglioramenti dell’umore e alleviare il dolore, da qui il suo nome gas esilarante. Ma questo effetto svanisce rapidamente. Questo gas è uno degli anestetici più comunemente usati, sia negli ospedali, negli studi dentistici, sia nei paramedici. È anche usato illegalmente nella forma piccole capsule Per uso ricreativo.

Il gas sembra colpire principalmente il cervello, bloccando le molecole nelle cellule nervose chiamate recettori NMDA (N-metil-D-aspartico). Questi stessi recettori sono anche presi di mira da un altro anestetico più forte, la ketamina, che aiuta anche ad alleviare la depressione.

operazione misteriosa

Non è noto come i recettori NMDA influenzino l’umore. Ma quando la ketamina ha iniziato a mostrare i suoi effetti antidepressivi, Pietro Nagel, allora un anestesista della Washington University School of Medicine di St. Louis (Missouri), voleva sapere se il protossido di azoto avesse lo stesso potenziale. Nel 2014, lui e colleghi hanno scoperto che l’inalazione di protossido di azoto per un’ora riduceva i sintomi della depressione per un giorno nelle persone che non assumevano antidepressivi standard. Tuttavia, lo studio non ha determinato se l’effetto potesse durare più a lungo.

L’uso prolungato di protossido di azoto può causare nausea e mal di testa. Nell’ultimo studioQuindi il team del Dr. Nagili ha osservato ventiquattro persone i cui trattamenti per la depressione non hanno funzionato e ha dato loro una mezza dose di protossido di azoto, una dose intera o un placebo composto da aria e ossigeno. Hanno ricevuto un trattamento una volta al mese per tre mesi.

READ  Colonna "Sociologia" di Roger Paul Druitt

Dopo due settimane, i sintomi depressivi in ​​coloro che hanno ricevuto metà della dose sono diminuiti in media di cinque punti rispetto a coloro che hanno ricevuto il placebo. Quindi c’è un vero miglioramento. I punti sono misurati su una scala di valutazione della depressione usata di frequente. Dopo il trattamento con la dose piena, i sintomi sono diminuiti ancora di più. Ma la differenza era così piccola che potrebbe essere solo una coincidenza. Il gruppo a mezza dose ha avuto anche effetti collaterali molto più deboli: nausea, emicrania e vertigini.

Come la ketamina, il protossido di azoto può migliorare rapidamente l’umore, ha affermato Peter Nagili, ora all’Università di Chicago (Illinois). “Sta succedendo qualcosa nel cervello, è come premere un pulsante. Ma nessuno sa come funziona.”

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *