Il G7 condanna il “referendum farsa” della Russia in Ucraina

I leader del G7 credono che non “riconosceranno” mai questi sondaggi “illegittimi”. (Foto: Getty Images)

Questo testo raccoglie tutti i recenti sviluppi dall’invasione russa dell’Ucraina il 23 settembre 2022. Verrà aggiornato nel corso della giornata. Per trovare tutta la nostra copertura della controversia, la trovi qui. Nota del redattore: alcuni dei contenuti potrebbero essere difficili da leggere.

BERLINO – I leader del Gruppo dei Sette venerdì hanno condannato “con forza” i referendum “spuri” sull’annessione della Russia nell’Ucraina occupata, aggiungendo che non avrebbero mai “riconosciuto” le schede elettorali “illegittime”.

(Germania, non riconosceremo mai questi referendum che sembrano essere un passo verso l’annessione russa “né” la cosiddetta annessione se avverrà”), hanno affermato in un comunicato stampa della Germania, che detiene la presidenza del Gruppo di Sette (Germania, Canada, Stati Uniti, Francia, Italia, Giappone e Regno Unito) quest’anno. .

“Chiediamo a tutti i paesi di respingere categoricamente questi falsi referendum”, hanno aggiunto.

Mosca vuole “creare un falso pretesto per cambiare lo status del territorio sovrano ucraino, che è sotto la costante aggressione russa” e “queste azioni violano chiaramente la Carta delle Nazioni Unite e il diritto internazionale”, hanno affermato.

Per il G7, “questi referendum spuri (…) non hanno né effetti giuridici né legittimità, come dimostrano i metodi organizzativi affrettati della Russia, che non rispettano in alcun modo le norme democratiche, e la sua palese intimidazione nei confronti della popolazione locale”.

Hanno aggiunto che “questi referendum nelle aree che sono state poste con la forza sotto il controllo russo temporaneo non rappresentano in alcun modo una legittima espressione della volontà del popolo ucraino, che ha costantemente resistito agli sforzi russi di cambiare i confini con la forza”.

READ  L'Italia rinnova il sostegno alla Tunisia nel suo percorso democratico

I ministri degli Esteri del Gruppo dei Sette, nonché il capo della diplomazia dell’Unione europea, Josep Borrell, hanno condannato giovedì l'”escalation” del conflitto in Ucraina da parte di Mosca, a conclusione di un incontro a margine del Riunioni delle Nazioni Unite. Assemblea Generale a New York.

In particolare, la “mobilitazione parziale dei riservisti e la retorica nucleare irresponsabile” di Mosca.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.