Il CEO di Renault esclude la fusione con Nissan

L’amministratore delegato della Renault ha escluso una fusione con Nissan, di cui i francesi sono il principale azionista, ma ha affermato che “è possibile una maggiore cooperazione” tra le due società in un’intervista a un quotidiano italiano pubblicata mercoledì.

“Dal 2010 la logica è sempre stata quella di mettere insieme le istituzioni (Renault e Nissan, ndr) per preparare una fusione. Non la vedo, né immagino una fusione perché non sono sicuro che sia ”, ha dichiarato il Sig. de Meo in un’intervista al quotidiano specializzato Il Sole-24 Ore. .

“D’altra parte, vedo una maggiore cooperazione e sarà possibile se l’alleanza si svilupperà (Renault-Nissan-Mitsubishi Motors, ndr). In quale direzione, vedremo”, ha aggiunto.

Il presidente di Renault e dell’Alleanza, Jean-Dominique Senard, ha già annunciato in più occasioni che la fusione non è più necessaria.

Le relazioni tra Renault e Nissan in particolare sono state tese dalla disuguaglianza nelle loro quote congiunte, ed è emersa nel 2018-2019 con l’affare Carlos Ghosn.

Il signor Ghosn, che all’epoca era il grande capo dell’alleanza Renault-Nissan-Mitsubishi Motors, è stato arrestato e poi accusato in Giappone di diverse presunte appropriazioni indebite.

È fuggito in Libano alla fine del 2019, e da lì continua a dichiararsi innocente e a denunciare un complotto orchestrato, secondo lui, dalla Nissan con l’appoggio del governo giapponese, per abbatterlo ed evitare così uno stretto riavvicinamento con la Renault. che a quel tempo era nel progetto.

– “Cessate il fuoco” –

Il produttore tricolore, di cui lo stato francese possiede circa il 15% del capitale – altro fattore di preoccupazione per i giapponesi – controlla il 43,4% del capitale di Nissan, mentre il costruttore nipponico possiede solo il 15% di Renault. , senza diritto di voto. .

READ  "Possiamo viaggiare molto con l'immaginazione".

Le relazioni tra Renault e Nissan sono migliorate dall’arrivo di un nuovo team di gestione pro-alleanza alla fine del 2019 alla guida del gruppo giapponese.

Indeboliti dalla pandemia e ora da una carenza di semiconduttori, nel maggio 2020 i tre gruppi hanno presentato all’alleanza una nuova strategia globale volta a rafforzare la loro competitività e redditività, ciascuno costruendo sui punti di forza dell’altro.

In risposta a una domanda del quotidiano economico giapponese Nikkei, un alto funzionario Nissan ha affermato, a condizione di anonimato, che il rapporto con la Renault sembra più un “cessate il fuoco”, con argomenti che lo preoccupano temporaneamente accantonati a causa di difficoltà operative più urgenti. È risolto in entrambi.

Al suo arrivo in Renault nel luglio 2020, De Meo vede il suo ruolo in questa alleanza di lunga data come un potenziale fattore di successo.

Ha insistito sul fatto che “dobbiamo sfruttare il fatto che siamo sposati da 20 anni, che ci sono bambini, ci sono momenti di tensione, ma abbiamo molto da guadagnare rimanendo coerenti” nelle future politiche di sviluppo.

Ha detto: “Nel 2018, Renault-Nissan era tecnicamente il numero 1 in termini di vendite e immatricolazioni nel mondo, ma se il numero 1 al mondo non è redditizio, allora questo modello non funziona a lungo termine”. Ha spiegato di aver messo Reno “a dieta per riportare il gruppo al peso ideale per la sua attività”.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *