Il canadese sorprende la Parigi-Roubaix

Il canadese sorprende la Parigi-Roubaix

La canadese Allison Jackson ha causato una grande sorpresa sabato vincendo la terza edizione della Parigi-Roubaix femminile dopo una gara selvaggia che ha visto molte cadute.

Pink Pop al timone, la 34enne canadese ha gettato le sue ultime forze nella battaglia per sollevare il pesante sassolino offerto al vincitore delle prestigiose classiche, prima di abbracciarlo teneramente, felicissimo.

“Quando abbiamo esplorato la pista questa settimana e abbiamo fatto un giro dell’ippodromo, ho sognato questa vittoria. Il più delle volte rimane un sogno. Non è realistico che diventi realtà”, ha detto il pilota del team EF Education che ha ottenuto il più grande vittoria della sua carriera e l’ha celebrata con un ballo fuori bici.

Non vince dal suo titolo nazionale ai Canadian Road Championships nel settembre 2021.

Dopo una forte pausa mattutina di diciotto corridori, sono stato in grado di resistere ai due candidati in svantaggio a causa di incidenti. Un piccolo gruppo di sei sopravvissuti ha corso il settimo, Fimke Marcus, caduto all’ultimo giro sulla pista di Roubaix.

Molto attiva per tutto il giorno, ha preceduto l’italiana Katia Ragusa e la belga Marthe Troyn, oltre alle due francesi Eugénie Duval (FDJ-Suez) e Marion Bouras.

Una delusione per Kopecky

“Volevo essere fiducioso in questa gara, essere davanti. In questo tipo di gara devi evitare la sfortuna, è stato un peccato perdere dopo una fuga così lunga”, ha aggiunto Jackson.

Dietro, le favorite, tra cui la belga Lotte Kopecky (settima) e l’olandese Marianne Vos (decima), sono arrivate al secondo posto, a 12 secondi dalla canadese.

È una nuova delusione a Roubaix per Kopecky, che ha appena vinto il Giro delle Fiandre, e il suo fedele team SD Worx che, dopo aver vinto la maggior parte delle classiche fino ad oggi, ancora una volta non sono riusciti a vincere sui ciottoli di Hell of the North.

READ  La Lazio si posiziona su Hugo Lloris, interessato alla sfida italiana

Il fiammingo, quando ha attaccato a 50 km dal traguardo e sembrava piuttosto lungo, è stato coinvolto in una brutta caduta a 36 km dal traguardo mentre cercava di rientrare in fuga con un gruppo di inseguitori.

Poi ha provato a rimontare, avvicinandosi con il suo gruppo a meno di dieci secondi dall’inizio della finale, ma senza riuscire a chiudere del tutto il portellone.

“La gara è stata molto dura, ho avuto un momento difficile oggi”, ha detto.

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *