Il Canada e altri 12 paesi sottolineano l’importanza delle elezioni anticipate in Iraq – 45eNord.ca

Gli iracheni partecipano alle proteste antigovernative nella città santa sciita di Karbala, a sud di Baghdad, 31 ottobre 2019 (archivi/AFP)

Tempo di lettura stimato: 3 Minuti

In occasione delle elezioni legislative irachene del 2021 per eleggere 329 membri della Camera dei rappresentanti, lo ha annunciato il ministro degli Esteri canadese Marc Garneau, unendosi ai suoi omologhi di altri 12 paesi, tra cui Francia, Stati Uniti e Stati Uniti. Il Regno Unito, “per sottolineare l’importanza delle elezioni anticipate del 10 ottobre in Iraq e per chiedere elezioni sicure e inclusive”, aggiungendo che “questo è un momento critico per gli iracheni” e che il Canada è orgoglioso di “fornire risorse per sostenere la democrazia sforzi”.

La Camera dei Rappresentanti, secondo la costituzione irachena del 2005, è la camera bassa del parlamento bicamerale iracheno, ma in pratica è l’unico organo del ramo legislativo iracheno, il Consiglio della Federazione, il Senato, e non si è mai riunito. prima.

Inizialmente previsto per maggio 2022 e con un anticipo fino al 6 giugno 2021, il voto è stato anticipato a causa delle proteste del 2019-2021 in Iraq.

Proteste anti-governative in Iraq dal 1egli è Ottobre 2019. Il movimento ha manifestato contro la disoccupazione, la corruzione, lo scioglimento dei servizi pubblici, la censura iraniana e si è spinto fino a chiedere il rovesciamento del regime, trasformandosi in una vera e propria rivolta popolare. La repressione da parte delle forze di sicurezza, in particolare della milizia filo-iraniana, le Forze di mobilitazione popolare, ha provocato centinaia di morti.

Una dichiarazione congiunta sulle elezioni anticipate in Iraq

“I Ministri degli Esteri di Australia, Canada, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Italia, Paesi Bassi, Nuova Zelanda, Norvegia, Svezia, il Ministro degli Esteri del Regno Unito e il Segretario di Stato degli Stati Uniti accolgono con favore i preparativi dell’Alta Commissione elettorale dell’Iraq per le elezioni del 10 ottobre Queste elezioni anticipate sono un’opportunità per gli elettori iracheni di decidere democraticamente il loro futuro.

READ  Lunville. Il marchio “Boulanger de France” è stato assegnato a Délices de la place

Siamo consapevoli dell’importanza di questo momento nella storia dell’Iraq. In risposta alle richieste del popolo iracheno, sono state mobilitate risorse significative per sostenere elezioni libere ed eque.

Nel maggio 2020, il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha rafforzato il mandato di assistenza elettorale della Missione di assistenza delle Nazioni Unite per l’Iraq (UNAMI). La Missione di assistenza elettorale della Missione di assistenza delle Nazioni Unite per l’Iraq (UNAMI), responsabile del sostegno all’Alta Commissione elettorale indipendente in Iraq, è la più grande del suo genere al mondo, con 5 volte il numero di rappresentanti delle Nazioni Unite nel 2018 elezioni.

Alla fine del 2020, gli iracheni si sono radunati intorno all’idea che il monitoraggio internazionale fosse un prerequisito per la legittimità elettorale. Di conseguenza, il governo iracheno ha presentato una richiesta al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. Il 27 maggio 2021, il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha adottato all’unanimità la risoluzione 2576, che ha autorizzato il team di monitoraggio elettorale della Missione di assistenza delle Nazioni Unite per l’Iraq (UNAMI). Il 21 giugno 2021, l’Unione europea (UE) ha annunciato una missione di osservazione elettorale separata, che ora include un gran numero di esperti degli Stati membri dell’UE. I supervisori e gli osservatori, rispettivamente, delle due missioni sono già sul campo. Queste missioni rappresentano uno sforzo internazionale in buona fede per rispondere alle richieste irachene e promuovere l’integrità elettorale.

Il popolo iracheno ha ora l’opportunità di esercitare il suo diritto fondamentale di voto. Sosteniamo gli sforzi del governo iracheno per garantire un ambiente elettorale sicuro, libero, equo e inclusivo per tutti gli iracheni, comprese le donne ei giovani, che sono stati a lungo vittime di violenze e intimidazioni nel loro perseguimento di riforme. Allo stesso modo, sosteniamo gli sforzi del governo iracheno per garantire che gli sfollati interni possano partecipare al sondaggio in sicurezza. Chiediamo a tutte le parti di rispettare lo stato di diritto e l’integrità del processo elettorale”.

READ  Il leader catalano Puigdemont è apparso in Italia su invito di Madrid

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *