I ribelli della Premier League non possono stare lontani dal progetto condannato anche se lo vogliono, dice l’attaccante del Real Madrid Perez.

Perez era il finto capo della nuova avventura condannata che è crollata giorni dopo essere stata annunciata domenica scorsa.

A causa dell’esodo di sei club inglesi, le uniche squadre che non hanno annunciato ufficialmente il loro ritiro sono Real, Barcellona e Juventus – anche se il presidente di quest’ultima, Andrea Agnelli, ha detto che il progetto non poteva andare dal fronte.

Tuttavia, il vero leader Perez ha affermato che le dichiarazioni pubbliche sull’abbandono del progetto sono una cosa, ma le complicazioni legali dell’abbandono del progetto sono tutt’altra.

“L’entità esiste e esistono anche i membri che compongono la Premier League”. Perez ha detto ad AS sabato.

“Quello che abbiamo fatto è stato concederci qualche settimana per riflettere sull’ostilità con cui hanno avuto a che fare alcune persone che non volevano perdere i loro privilegi con il progetto …

Non mi prenderò il mio tempo per spiegare cos’è un contratto vincolante qui. Ma il punto importante è che i club non possono andarsene.

“Alcune persone, a causa della pressione, hanno dovuto dire che se ne stavano andando. Ma questo progetto, o qualcosa di molto simile, avverrà, e spero che lo sarà nel prossimo futuro”. Perez ha aggiunto.

Dopo il lancio del progetto, il miliardario 74enne lo ha dichiarato necessario “Memorizza” Calcio e affrontare i terribili problemi finanziari che affliggono il gioco.

Tuttavia, la maggior parte degli osservatori ha visto come una cinica acquisizione da parte dell’élite europea di formare un campionato chiuso in cui espandere le proprie fortune a scapito dei campionati nazionali e dei club più piccoli in tutto il continente.

Perez ha affermato che anche la narrazione sul campionato lo era “È stato manomesso” Ha anche criticato gli organi direttivi della UEFA e della FIFA per essersi opposti al piano.

READ  Inter: svelato il nuovo logo

“Non è un piano che esclude i club e non danneggia gli altri campionati”. Disse Perez.

“Il progetto della Super League è la migliore soluzione possibile, ed è stato creato per aiutare il calcio a uscire dalla crisi.

“Il calcio è stato colpito duramente perché la sua economia è stata distrutta e deve adattarsi alla nuova era in cui viviamo.

“La Premier League non è contro le competizioni nazionali e il suo obiettivo è quello di fornire più soldi per tutte le divisioni del calcio. Il concetto è quello di generare più interesse per le partite”.

L’intrigo della Super League è scoppiato tra i 12 membri “ fondatori ” poiché alcune personalità importanti come l’allenatore della Juventus Agnelli hanno lavorato contemporaneamente alla UEFA sulle modifiche al coordinamento della UEFA Champions League da introdurre durante la stagione 2024-25.

Perez ha affermato che questi cambiamenti – che includono l’espansione della Champions League da 32 a 36 squadre e il “modello svizzero” che significa più partite – non sono stati sufficienti per supportare i club.

“Inoltre, non credo che le modifiche apportate dalla UEFA siano una vera soluzione al problema perché ciò che è stato proposto non è nemmeno un miglioramento rispetto al modello attuale”, Perez ha affermato.

“Non possiamo aspettare fino al 2024. Ma in ogni caso dobbiamo aver commesso un errore. Cercheremo di invertire la rotta e sviluppare più idee”.

“Forse la soluzione è che giochino le prime quattro squadre di ogni campionato. Non lo so, ma bisogna fare qualcosa perché i giovani di oggi, tra i 14 ei 24 anni, rinunciano al calcio perché lo vedono come noioso rispetto ad altre forme di intrattenimento che preferiscono “.

“Ci sono quattro miliardi di tifosi di calcio nel mondo e la metà di loro sono tifosi di club della Premier League. Il calcio è l’unico sport al mondo”.

La Premier League prevede di includere 15 squadre come “membri fondatori” che mantengono un posto permanente nella competizione, con altre cinque squadre elencate su base annuale in base al merito.

READ  Anni '70 di Francoise Sullivan

Le squadre saranno divise in due campionati da 10, con ciascuna squadra che giocherà con l’altra squadra in casa e all’estero. A seconda delle posizioni della lega, il torneo passerà poi alla fase a eliminazione diretta dei quarti di finale.

I fan, i critici e persino i funzionari governativi sono stati indignati per l’idea, dicendo che porterà a un sistema simile a un franchise come nei principali campionati in America, dove il concetto di promozione e retrocessione è in gran parte alieno.

È stato detto che i campionati nazionali ne soffriranno, mentre alcuni hanno suggerito che le 12 località originali della Premier League potrebbero essere eliminate dalle competizioni nei loro paesi d’origine.

La Federcalcio europea (UEFA) ha anche minacciato di bandire qualsiasi giocatore partecipante dalle competizioni internazionali.

Dopo le proteste della folla, Chelsea e Manchester City sono state le prime a ritirarsi, seguite dagli altri club inglesi “Big Six”, Arsenal, Manchester United, Tottenham e Liverpool.

Anche il club spagnolo dell’Atlético Madrid, così come i giganti italiani AC Milan e Inter, si sono ritirati.

I giganti tedeschi Bayern Monaco e Borussia Dortmund hanno rifiutato di partecipare al progetto come fondatori, così come i campioni di Francia del Paris Saint-Germain.

You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *