I manifestanti marciano a Roma in solidarietà con la Palestina

I manifestanti marciano a Roma in solidarietà con la Palestina

AA / Roma / Barış Seçkin, Mohammad Kara Maryam

Sabato scorso nella capitale italiana, Roma, si è tenuta una manifestazione di solidarietà con la Palestina.

Il corrispondente di Anadolu ha riferito che i manifestanti si sono radunati in Piazza della Repubblica, nel centro di Roma, nonostante le cattive condizioni meteorologiche.

I manifestanti hanno denunciato gli attacchi israeliani alla Striscia di Gaza e le sue pratiche contro i residenti della Cisgiordania occupata.

Hanno definito “genocidio” gli attacchi israeliani a Gaza e hanno chiesto il rilascio dei detenuti nelle carceri israeliane.

I manifestanti esponevano striscioni in segno di solidarietà con il popolo palestinese e scandivano slogan come “Palestina libera”.

Oltre a Roma, anche Milano, la seconda città più grande d’Italia, è stata teatro di una manifestazione a sostegno della Palestina.

Dal 7 ottobre, Israele ha condotto una guerra totale nella Striscia di Gaza, che ha causato più di 125.000 vittime civili (morti e feriti), per lo più bambini e donne, e circa 10.000 dispersi in un contesto di carestia e distruzione di massa, secondo i dati palestinesi e delle Nazioni Unite.

Tel Aviv conduce questa guerra da nove mesi, nonostante una risoluzione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite che chiede la fine immediata dei combattimenti e un ordine della Corte internazionale di giustizia che indica misure provvisorie per prevenire il genocidio e migliorare la situazione umanitaria a Gaza.

*Tradotto dall’arabo da Malèk Jomni

Solo una parte dei dispacci che l’Agenzia Anadolu distribuisce ai propri abbonati tramite il Sistema di diffusione interna (HAS) viene pubblicata sul sito web dell’AA in forma riassuntiva. Vi preghiamo di contattarci per abbonarvi.

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *