I farmaci antireflusso sono collegati ad un aumento del rischio di demenza

I farmaci antireflusso sono collegati ad un aumento del rischio di demenza

I farmaci antiacidi possono essere collegati all’insorgenza della malattia di Alzheimer? Secondo un recente studio condotto da ricercatori dell’Ospedale universitario di Copenaghen e dell’Università di Aarhus (Danimarca), potrebbe esserci un collegamento. Nello specifico, gli scienziati hanno studiato il potenziale legame tra gli inibitori della pompa protonica (PPI) utilizzati per sopprimere la produzione di acido nello stomaco e un aumento del rischio di demenza. I loro risultati sono stati pubblicati in Rivista scientifica Alzheimer e demenza.

Per esaminare in modo specifico la potenziale associazione, i ricercatori hanno esaminato i dati di un gruppo di 1.983.785 persone di età compresa tra 60 e 75 anni tra il 2000 e il 2018. A nessuno di questi partecipanti era stata diagnosticata la demenza. Durante il periodo di studio, 99.384 persone hanno sviluppato demenza. “L’uso di inibitori della pompa protonica (PPI) è stato associato a un aumento del rischio di demenza per tutte le cause, soprattutto tra le persone di età compresa tra 60 e 69 anni al momento della diagnosi. Il gruppo di età compresa tra 60 e 69 anni aveva un tasso di incidenza compreso tra 1,25 e 1,59 a seconda della durata di utilizzo e 1,36 in totale per coloro che già utilizzavano inibitori della pompa protonica.“, dettagli Comunicato stampa dello studio. Un piccolo rischio è stato osservato nei gruppi di età compresa tra 70 e 79 anni e tra 80 e 89 anni.

Maggiori rischi per i bambini

L’esposizione agli inibitori della pompa protonica è stata associata a un aumento dell’incidenza di demenza per tutte le cause prima dei 90 anni, indipendentemente da quando è stato iniziato il trattamento con inibitori della pompa protonica. Una durata cumulativa più lunga dell’uso dei PPI ha portato a stime di rischio più elevate“, riassumono i ricercatori.

READ  Le autorità stanno cercando di fermare la diffusione della febbre dengue in Martinica

Secondo i risultati di questo studio, l’uso di questi farmaci è associato ad un aumento del rischio di demenza, soprattutto nei soggetti più giovani. “Ciò non significa che l’uso di IPP causi demenza, poiché esiste la possibilità di una causa inversa, per cui la produzione di acido nello stomaco aumenta precocemente nello sviluppo della demenza e i trattamenti con IPP vengono utilizzati per trattare i sintomi di una malattia che sta già progredendo.“, precisa il comunicato stampa. Gli scienziati avanzano un’altra ipotesi: i trattamenti con inibitori della pompa protonica possono creare un disturbo che porta alla demenza. Sono necessari ulteriori studi per determinare con precisione la relazione tra questi farmaci e l’insorgenza della demenza.

Video – Il dottor Christian Recchia: “L’Alzheimer è una piaga. Ecco i segnali che devono allertarvi”

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *