I datori di lavoro italiani offrono fabbriche per vaccinare contro il Coronavirus

Pubblicato il 12 aprile 2021, 15:07

Impollinazione sempre più rapida. Questo è l’obiettivo del ministro della Salute italiano Roberto Speranza, che promette di mettere “Molto meglio quest’estate in quanto l’immunità è raggiunta per gli over 80 entro la fine del mese e per tutti gli over 60 entro la fine di giugno. L’Italia attende 50 milioni di dosi di AstraZeneca e Pfizer durante il trimestre e 7,3 milioni di dosi di Johnson & Johnson, la prima delle quali sarà consegnata questa settimana. Ma la sfida più grande resta il numero giornaliero di vaccinazioni. La soglia di 300.000 è stata dolorosamente raggiunta quando il tuo obiettivo era Il governo è 500.000, la Spagna supera le 400.000 iniezioni al giorno, la Francia supera le 500.000 e la Germania le 650.000.

Fabbriche disponibili

Il generale Francesco Paulo Figliolo, incaricato di attuare la campagna di vaccinazione universale, può contare su un alleato: i padroni. Il presidente di Confindustria Carlo Bonomi ha suggerito di mettere a disposizione fabbriche e aziende per trasformarle in centri di vaccinazione. Firmato l’accordo con i sindacati e hanno annunciato la disponibilità di circa 7.000 PMI, a cui hanno appena aderito i colossi economici italiani: ENI, Enel, Luxottica, Mediaset … Il Ministero del Lavoro stima che potrebbero essere così 18 milioni di dipendenti l’immunità più veloce. Ma per avviare una campagna di vaccinazione nelle aziende, bisogna prima aspettare gli anni Sessanta e i più vulnerabili a vaccinarsi. ” Un altro problema è la disponibilità di dosi. Alcune aziende potranno vaccinarsi già domani mattina ma l’orizzonte è a metà maggio Dice Carlo Bonomi, presidente dell’Associazione di categoria.

READ  IT Italian Trattoria apre a Reims e Tours

Pessimismo di crescita

La sua organizzazione fa dipendere la ripresa economica dai progressi nell’immunizzazione in Italia e in Europa. A quel punto, appare un po ‘di pessimismo. La sua previsione di crescita è stata rivista al ribasso. Dovrebbe essere del 4,1% quest’anno e del 4,2% nel 2022, in calo di 0,7 punti rispetto alle aspettative precedenti. ” Non è una crescita ma una lenta uscita dall’abissoLo annuncia l’organizzazione dei datori di lavoro, aggiungendo che questo non sarà compensato “Non le perdite dell’anno scorso.”. L’Italia ha registrato una delle peggiori recessioni dell’Eurozona nel 2020 con quasi il 9% del suo PIL in calo.

Il piano di recupero sarà completato

Entro il 30 aprile Mario Draghi deve finalizzare il piano di ripresa italiano e presentarlo al Parlamento prima di sottoporlo alla Commissione Europea. ” Un buon uso del denaro del piano europeo è fondamentale per permetterci di eccitare le nostre animeDice Confindustria. Senza questo piano di stimolo, il Paese perderà altri 120.000 posti di lavoro nei prossimi due anni Quasi un milione di dipendenti ha già perso il lavoro nel 2020. I datori di lavoro contano sulla ripresa delle esportazioni per rilanciare il “Made in Italy”. Sono diminuiti del 12,8% lo scorso anno, ma si prevede che recuperino dell’11,4% nel 2021 e del 6,8% nel 2022..

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *