“I confini chiusi non sono uno strumento miracoloso”, ricorda Clement Boone

Colloquio

Clement Boone, Ministro di Stato presso il Ministro per l’Europa e le Imprese, ha affermato: “Non ci sono divieti alla frontiera. Sono molto soddisfatto del fatto che i controlli possano essere utili” Stranieri, venerdì in Europa 1. A partire dalla mezzanotte di domenica sarà un test PCR negativo per il Coronavirus che Viene eseguita 72 ore prima della partenza è obbligatoria per la maggior parte dei viaggiatori europei che desiderano entrare in territorio francese. Mentre molti paesi europei lo facevano prima della Francia, Clément Boone ha indicato che nessuno dovrebbe pensare che chiudere le frontiere fosse una panacea.

“Uno strumento tra gli altri”

“Non stiamo facendo politica, abbiamo a che fare con i confini. Non dobbiamo far pensare che i confini siano chiusi magicamente e senza problemi”, ha detto Clement Boone, sottolineando che la Francia ha adottato misure utili per la protezione. “I confini chiusi e controllati non sono uno strumento miracoloso. È uno strumento tra gli altri”, ha aggiunto. “Stiamo agendo in modo tempestivo, con misure proporzionate. […] Da domenica Stiamo lavorando per intensificare le procedure all’interno della regione europea in coordinamento con i nostri partner europei “.

Tuttavia, alcuni paesi, come Germania, Belgio, Italia, Spagna, Grecia o persino Portogallo, hanno già richiesto, per alcuni giorni, test PCR o test antigeni ai viaggiatori che entrano nei loro territori. La Francia resta uno degli ultimi paesi “grandi” a non fare questa richiesta.

Non esiste un “confine proibito”

È un ritardo intenzionale? Niente affatto, secondo Clement Boone, che confuta l’esistenza di “divieti di confine”. “Abbiamo annunciato l’azione giovedì sera, dopo aver verificato che stiamo prendendo esattamente – o quasi esattamente – le stesse misure tra i paesi europei”, dopo un vertice che ha riunito i leader dei 27. “Quando le frontiere si sono chiuse completamente, come abbiamo fatto il 20 dicembre con il Regno Unito, abbiamo visto che non potevano continuare. Le nostre fabbriche avevano problemi di approvvigionamento”.

READ  La fiducia delle imprese è leggermente aumentata a gennaio

Le frontiere non sono state chiuse allora, ma saranno controllate da “test e controlli proporzionali nei nostri porti e aeroporti, e questo non è possibile nel trasporto terrestre”. I lavoratori del trasporto frontaliero e stradale sono esentati da questo test PCR negativo obbligatorio. La quarantena non è pianificata come richiesto dal Belgio al momento in Francia.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *