i chirurghi riescono a trapiantare un cuore fermo per venti minuti

i chirurghi riescono a trapiantare un cuore fermo per venti minuti

Un team di chirurghi in Italia ha trapiantato con successo un cuore che aveva smesso di battere per 20 minuti in un paziente di 45 anni. Una novità mondiale.

Un team di chirurghi italiani ha trapiantato con successo un cuore che aveva smesso di battere da 20 minuti, Lo riferisce l’Assessorato alla Sanità del Veneto. L’operazione è stata eseguita su un uomo di 45 anni all’ospedale di Padova lo scorso 11 maggio.

“Lo dobbiamo a tutto l’Azienda Ospedaliera Universitaria di Padova, al professor Gino Gerosa e alla sua équipe ‘dedicata alla cardiochirurgia’ oltre che al dottor Paolo Zanatta, direttore dell’anestesia e rianimazione” dell’ospedale di Treviso “che ha prelevato l’organo”. , ha precisato il presidente della Regione Veneto.

“Siamo i primi al mondo ad aver dimostrato che un cuore che ha cessato ogni attività elettrica per 20 minuti può essere utilizzato per il trapianto di cuore”, ha detto Gino Gerosa.

Un potenziale del 30% in più di trapianti

Il cardiologo stima che questo risultato “potrebbe portare ad un aumento del 30% del numero di trapianti in Italia”.

L’operazione è stata eseguita presso l’Azienda Ospedaliera Universitaria della città del Veneto, dove quasi 38 anni fa, il 14 novembre 1985, ebbe successo il primo trapianto di cuore in Italia.

“Da oggi la cardiochirurgia non sarà più come prima. Si apre una prospettiva che può dare speranza a tanti pazienti in attesa di trapianto di cuore”, ha reagito Luca Zaia, presidente della Regione Veneto in Italia.

Articolo originale pubblicato su BFMTV.com

VIDEO – Fabienne Thibeault ricoverata d’urgenza: il cantante sarebbe stato operato al cuore

READ  Euro 2021: Locatelli-Berardi, il «Sassuolo Connection» dell'Italia

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *