Hugo Holly ha ritrovato i suoi buoni sentimenti

Ventiduesimo posto nella tappa attuale, un percorso di 169 km tra Castleraimundo e Lido di Fermo, Holly, è il più alto ciclista della squadra di Astana, davanti al suo compagno di squadra italiano Fabio Fellin. Martedì una prova di 10 chilometri concluderà la manifestazione a San Benedetto del Tronto.

“Ecco, sono in ottima forma”, ha detto lunedì sera Hall. Ero un po ‘in ansia dopo il Tour des Alpes Maritimes et du Var (41 °) dove ho fatto bene. Avevo un raffreddore, un comune raffreddore, ma ci sono volute due settimane per superarlo. Tranquillamente, è tornato, ma non ho i migliori sentimenti. Sono rimasto un po ‘deluso di aver lavorato così duramente. Pensavo di essermi allenato molto.

Nella gara Strade Bianche non era ancora cool. Ma a Terreno, due giorni dopo, le cose si sono prosciugate. Mi sono sentito rassicurato e ieri ha corso bene, quindi fa ben sperare per il resto della gara. Mi ha motivato e mi ha dato un po ‘di fiducia nelle gare in arrivo in Belgio tra una decina di giorni.

L’atleta Sainte-Perpétue parteciperà a tre gare di un giorno nel paese di Jacques Brel, tra cui Classique Brugge-De Panne, il 24 marzo. Senza cercare la vittoria, è ottimista sulla qualità delle prestazioni che può offrire.

Holly ha detto: se ti metti in un buon posto e fai bene, sarà tra i primi 10. Avrei vinto, ma onestamente non me lo aspetto. Non sono ancora a quel livello. Questo non è impossibile, ma ci vorranno una serie di circostanze per far andare tutto liscio.

Sto diventando sempre più forte e non vedo l’ora di vedere cosa posso fare quest’anno. Dopodiché, è diventato più difficile per me. Con l’Astana, non abbiamo una grande squadra classica in Belgio. È difficile restare fermi se sei da solo quando Quickstep ha otto concorrenti. Ottengono più rispetto e influenza. Con i primi 10 posso dire: “Missione compiuta”.

Quest’anno, il 30enne gareggerà al Tour de France per poi trasferirsi ai Giochi Olimpici di Tokyo.

READ  Raonic è finito a Miami

Ma anche allora, ci sono ancora molti chilometri da percorrere. Molte sono anche le incertezze rimaste a causa dell’epidemia che continua a complicare la vita dei ciclisti. Il coprifuoco si applica ancora in Francia, Italia e Monaco, dove risiede.

Per tre settimane l’intera regione delle Alpi Marittime è rimasta confinata ai fine settimana. Non è consentito uscire all’aperto e l’attività fisica è limitata a cinque chilometri da casa tua. Sono un professionista, posso fare quello che voglio ma la mia ragazza non può andare in bicicletta a Monaco.

Può correre ma è tutto chiuso. Ci sono ancora molti casi in cui il virus è attivo. Ci sono molti controlli quando ci si sposta da un paese all’altro. Devi fare dei test ogni settimana. Ne faccio una media di due a settimana. Dopo la seconda ondata, il sostituto inglese ha bloccato quanto previsto. È stabile ma presenta ancora molte limitazioni.

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *