Hubble assiste alla nascita di un pianeta gigante

Migliaia di esopianeti sono stati identificati dagli astronomi dall’ottobre 1995 e lo scioccante annuncio della scoperta del loro primo, 51 Pegasi b. Ma i ricercatori sono ancora all’oscuro dei dettagli del processo di crescita del pianeta gigante. Le nuove immagini fornite dal telescopio spaziale Hubble potrebbero cambiare le regole del gioco.

“Non sappiamo molto di Nomou Pianeti giganti»Brendan Bowler, ricercatore presso l’Università del Texas ad Austin (USA), ammette che A. Comunicato stampa della NASA. “Questo sistema planetario ci dà la prima opportunità di vedere il materiale che cade su un pianeta”. Questo sistema di cui parla l’astronomo è quello che Telescopio spaziale Hubble. Un sistema con un pianeta delle dimensioni Giove Ancora in formazione. nutrirsi Cosa Chi circonda il suo ospite, giovane star.

Lo cito tra i più Sono stati scoperti 4.000 esopianeti Finora dai ricercatori, solo una quindicina di persone sono state riprese dal vivo. Di solito appaiono come semplici punti luce. Tuttavia, più di 30 anni dopo il suo lancio, il Ricercatori Un nuovo modo di utilizzare Hubble per ottenere immagini di prima mano di pianeti al di fuori del nostro sistema solare.

Il Scienziati di astronomia Il PDS 70, a Stella nana Orange si trova intorno al 370 Anni luce sulla Terra. Perché è noto che nasconde due degli esopianeti costituenti in un enorme disco di polvere e Gas Chi lo circonda. Il PDS 70 b, osservato da Hubble, ha solo cinque milioni di anni. Sta ancora accumulando materia.

Un esopianeta sta crescendo meno rapidamente oggi

Grazie per le note sul campo ultravioletto Per la pulizia fine della luce emessa dal PDS 70, il Telescopio spaziale Hubble Ai ricercatori sono state mostrate immagini uniche della radiazione di gas caldi che cadono sul pianeta gigante. Cosa anche da apprezzare Velocità Chi coltiva quest’ultimo. Gli astronomi affermano che un esopianeta si è già accumulato cinque volte Massa Giove. Ma il suo tassoAccumulo Caduto. Se rimanesse dov’è oggi per un altro milione di anni, crescerebbe solo fino a circa un centesimo della massa di Giove.

Sebbene i dati indichino che il pianeta gigante è alla fine del suo processo di formazione, ci sono ancora misurazioni immediate. I ricercatori avranno bisogno di più per vedere come il tasso di accumulo sta attualmente cambiando nel tempo.

READ  Watching dogs: Legion active son mode en ligne

Secondo gli astronomi, l’esopianeta PDS 70 b è circondato da un disco attorno al pianeta che tira il disco molto più grande che circonda la sua stella ospite. Linee campo magnetico Ciò si estende dal suo disco di gas e polvere a Atmosfera Trasferimento di materia sulla superficie del pianeta. I punti trigger che i ricercatori sembrano notare sulle immagini di Hubble sono particolarmente luminosi.

Alma espelle i pianeti giganti nella formazione

Grazie all’Osservatorio Alma in Cile, gli astronomi hanno trovato, all’interno dei dischi di gas e polvere che circondano quattro giovani stelle, prove indiscutibili della recente formazione di pianeti con una massa più volte quella di Giove. Inoltre, le misurazioni effettuate sul gas circostante hanno permesso di definirne meglio le proprietà.

Un articolo diQuale – quale Pubblicato il 06/2016

Diversi pianeti sono attratti attorno a ciascuna o quasi tutte le stelle. Tuttavia, le condizioni per la loro formazione sono ancora in parte fraintese oggi. Per sollevare questo velo dall’oscurità, gli astronomi studiano Dischi di gas e polvere Gira intorno alle giovani stelle dove I pianeti si stanno formando. Quindi la forzaAlmaLa grande rete (sub) millimetrica ad Atacama, in Cile, ha permesso loro di superare la piccolezza di questi dischi e la loro distanza dalla Terra.

I dischi transitori sono un tipo speciale caratterizzato dall’assenza di polvere al centro dove si trova la stella ospite. Questo vuoto risulterà da uno dei seguenti scenari: O forte Slot La radiazione stellare e condensata ha spazzato via o distrutto questo materiale (un processo chiamato evaporazione della luce), il che significa che questa materia era stata espulsa da Enormi giovani pianeti sono in formazione Mentre gravitavano attorno alla loro stella.

READ  La terza stagione di Call of Duty Warzone è disponibile con Verdansk'84

Sensibilità impareggiabileAlma La nitidezza delle immagini ottenute di recente ha permesso a un team guidato da Nienke van der Marel dell’Osservatorio di Leiden nei Paesi Bassi, con un grado di accuratezza senza precedenti, di mappare la distribuzione di gas e polvere nei quattro dischi transitori per un valore di SAR 21 , HD 135344B (o SAO 206462) e DoAr 44 e Oph IRS 48. Risultati ottenuti e pubblicati in Astronomia e astrofisica, Ha permesso loro di concentrarsi in uno dei due modi.

Fori per la polvere e cavità del gas

Le immagini appena ottenute mostrano la presenza di grandi quantità di gas (principalmenteidrogeno) All’interno dei fori per la polvere. Con stupore dei ricercatori, è emerso che il gas ha anche una cavità centrale, fino a tre volte più piccola del gap di polvere.

Per loro, questa osservazione trova una spiegazione unica: i pianeti massicci appena formati hanno pulito il gas come descritto. Orbita Informazioni sulla stella centrale e sulle particelle di polvere intrappolate alla periferia (vedi anche questo argomento) Secondo Pierre Barge, Oph-IRS 48 e Planetary Generation Vortex »).

Grazie ad Alma, gli astronomi hanno scoperto notevoli differenze tra le cavità del gas e i fori di polvere nei dischi che circondano le quattro giovani stelle. Queste nuove osservazioni costituiscono una prova innegabile della recente formazione di pianeti con molti blocchi gioviani all’interno di questi dischi. © Alma, Eso, NAOJ, NRAO, M. Kornmesser

Precedenti osservazioni avevano già indicato la presenza di gas all’interno degli sfiati delle polveriNienke van der Marel. Alma è riuscita a mappare il materiale sull’intero disco utilizzando un file Precisione Di gran lunga superiore a qualsiasi altro strumento, abbiamo potuto escludere l’altro scenario finora considerato. Chiaramente, una cavità così profonda favorisce pianeti con masse diverse volte la massa di Giove e risulta dalla loro scansione del disco. “

È interessante notare che queste osservazioni sono state fatte mentre era presente il gruppo antenna Costruzione Sull’altopiano di Chagnantur in Cile. Gli è stato assegnato solo il 10% del suo attuale potere avversario.

READ  Twitter sta (finalmente) testando il pulsante "cancella post".

Meccanismo universale?

Nuovi studi, applicati ad altri dischi transitori, possono aiutare a dimostrare l’universalità di questo scenario di compensazione planetaria. A quel punto, le osservazioni di Alma avranno fornito agli astronomi informazioni preziose sul complesso processo di Formazione planetaria.

“Tutti i dischi transitori studiati fino ad oggi che hanno grandi fori per la polvere presentano anche cavità di gas. Grazie ad ALMA, ora possiamo determinare dove e quando si formano. Pianeti giganti All’interno di questi dischi, quindi confrontare i risultati ottenuti con i modelli di formazione dei pianetiDice Ewen van Dieschuk dell’Università di Leida nei Paesi Bassi e del Max Institute Planck Dedicato a fisico Alien, a Garching, Germania. Il rilevamento diretto dei pianeti è alla portata degli strumenti attuali e dei telescopi di nuova generazione attualmente in costruzione, comeE-ELTIl telescopio gigante europeo ci consentirà di respingere questi limiti. Alma ti consente di indirizzare le note future. “

Ti interessa quello che hai appena letto?

You May Also Like

About the Author: Adriano Marotta

"Pluripremiato studioso di zombi. Professionista di musica. Esperto di cibo. Piantagrane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *