Helena Cazotte, Dalle spiagge di Gruissant a Milano con Egono, Itinerario Ball Kid

Helena Cazotte, Dalle spiagge di Gruissant a Milano con Egono, Itinerario Ball Kid

Il tricolore che brilla all’estero (2/5). Dopo Théo Faure e prima di Lucille Gicquel, RMC Sport è andato a incontrare il capitano della squadra francese, Helena Cazote. Oggi al Fiero Milan (attualmente terzo in campionato), uno dei club più grandi d’Europa, Odoise parla dei suoi continui progressi dai tempi di Béziers e delle sue scelte di carriera.

Helena, a metà novembre sei tornata in Francia per giocare una partita di Champions League contro il Mulhouse, la tua ultima squadra in Francia. Riunione di benvenuto?

Le emozioni sono state tante prima del ritorno a Mulhouse, che è stata la mia tappa prima dell’Italia. Sono stato molto toccato e felice di ritrovare tutte le persone e gli amici che conosco e i volti familiari dell’allenatore e presidente Magali Magill, del direttore generale dei VMA e dei tifosi. Grande riunione.

Il Ferro Milan batte agevolmente il Mulhouse (3-0). Parliamo di ciò che ancora separa uno dei due principali club di pallavolo francese da una stella europea?

Per il Mulhouse è stato un po’ complicato perché li abbiamo battuti al servizio fin dall’inizio della partita. Non sapevano come gestire le nostre influenze. Quando abbiamo iniziato a servire meno bene la palla e a fare meno errori, loro sono stati in grado di reagire. Il livello di servizio in Italia è molto più alto che in Francia con il blocco della difesa. È andato da lì.

Dopo Béziers, Cannes e Mulhouse, quando sei arrivato in Italia a Chieri nel 2021 hai avvertito subito la differenza?

Sì, a livello di muro le ragazze sono più fisiche e lavoriamo molto anche in difesa. Gli scambi che abbiamo visto quattro o cinque volte a partita in Francia sono molto comuni in Italia. Combattiamo su ogni punto. Gli scambi richiedono più tempo.

Dopo Béziers, Cannes e Mulhouse, cosa ti ha spinto a lasciare la Lega femminile francese?

Il mio desiderio. Ho sempre desiderato andare in Italia, che per me è il torneo più grande del mondo. Non l’ho mai nascosto. Non è stato facile. Dopo la doppietta tra Coppa e Scudetto con il Mulhouse, era il momento perfetto per crescere e fare un passo avanti. Guarda qualcos’altro e vai avanti. Avevo bisogno di confrontarmi ad un livello più alto.

READ  CF Montreal: la migliore prestazione individuale della storia

Ogni club è una progressione nella tua carriera. È premuroso?

Le cose sono state fatte nel giusto ordine. Se fossi partito prima per l’Italia sarebbe stato un errore. Avevo bisogno di acquisire maturità ed esperienza. La cosa più importante nella vita di qualsiasi atleta di alto livello è non saltare in avanti. Non devi andartene per il gusto di andartene. Credo di aver fatto questo progresso. Dopo il Mulhouse avevo bisogno di progredire, ma non sarei dovuto andare in Italia in un club dove avrei avuto poche o nessuna opportunità di giocare e quindi di progredire. La mia scelta è caduta su Cherry e sul suo allenatore Giulio Bregoli. L’ho incontrato prima di partire e sapevo che sarebbe stato un buon allenatore per me. Sapevo di poter giocare perché Cherry era tra le prime sei. Se fossi andato in un club che giocava per il titolo, non avrei guardato il campo tutto l’anno. Era importante avere quel tempo di gioco per dimostrare e progredire.

È facile trovare casa in Italia?

No, l’ho fatto poco a poco perché c’erano già due top player nel mio ruolo. Non è stato facile perché stavo spingendo forte in allenamento e ho visto che non giocavo tutta la partita. Sono partito bene e ho dovuto essere paziente. All’inizio è stato difficile avere la piena fiducia dell’allenatore che mi faceva giocare solo spezzoni di partite. Dopo un mese o due si è fidato di me e ho iniziato a lavorare. Questi sono i passi da compiere che danno fiducia nello sviluppo dei giocatori.

C’è stato un clic con Chieri?

Ero in panchina e ho fatto buone cose durante le mie apparizioni. Dopo un po’ il mister ha capito cosa portavo con il mio gioco in difesa, non solo offensivo. Forse è stato quel qualcosa in più che ha permesso alla squadra di essere più equilibrata. Ma è vero, all’inizio è stato difficile. Non sono stato premiato per i miei buoni ingressi, ma anche la pazienza è una caratteristica di un pallavolista di alto livello. Non volevo arrendermi perché ad un certo punto sapevo che sarebbe arrivato il mio momento.

READ  Una pasticceria offre a Osimhen una torta eccezionale (video)

Ho vinto la Challenge Cup con Cherry. Perché sei andato a Milano?

Volevo fare un altro passo avanti e affrontare giocatori più grandi per giocare di nuovo la Champions League. Era tempo. Il Milan è il club che vuole vincere titoli in Italia e Champions League. Era un grande obiettivo mantenere il mio slancio.

Cosa hai imparato in Italia?

Hai fatto progressi artisticamente. L’accoglienza è molto diversa da quella che conoscevo in Francia. Con gli allenatori si lavora molto anche sulle tecniche di attacco. Gli allenamenti sono molto completi con lavoro su muro, difesa, servizio e ricezione grazie alle competenze di 4-5 allenatori specifici che circondano l’allenatore principale. Ci danno molti feedback e consigli e questo è ciò che ci fa andare avanti.

Giochi al fianco di Paula Egonu, una giocatrice di pallavolo che trascende il suo sport attraverso i suoi ruoli.

E’ un fenomeno del momento. Sono molto impressionanti in campo come il recente attacco contro il Mulhouse in Champions League: fanno un piccolo diametro di 50 cm. Non l’ho mai visto. È un’atleta impressionante con capacità fisiche straordinarie. Non mi interessa la sfida fisica, lavoro con il blocco avversario.

Come gestisci la concorrenza e la pressione in un club molto ambizioso?

C’è una sana competizione con gli altri quattro attacchi. Tutto competitivo anche a Milano con quattro posti. Sappiamo che giocheremo tutti perché la stagione è lunga e le partite saranno doppie. Non abbiamo alcuna pressione in questo senso perché ognuno conosce i propri punti di forza e l’allenatore disegnerà in base alle esigenze del momento. Per quanto riguarda la pressione, è normale in un club con tali ambizioni. Hanno costruito una squadra attorno a Paula Egonu, tornata dalla Turchia con il titolo di Champions League. Il club ha messo in atto i mezzi per vincere titoli. Nel Milan la pressione è quotidiana, ma la società cerca di ridurla il più possibile. C’è anche la voglia di vincere e il sostegno.

READ  Tour de France 2024: scopri il percorso delle prime tre tappe in Italia

Questa esperienza aiuterà la squadra francese?

Queste esperienze all’estero sono benefiche per il glaucoma. Penso a Lucille Jekyll, che è andata in Turchia, o ad Amanda Silves, a Firenze e poi a Cuneo, che ha guadagnato molto terreno e ci ha aiutato ad affrontare questa estate. Incoraggio le ragazze che hanno l’opportunità di giocare all’estero a fare questa scelta. Sono d’accordo che non sia facile, ma il consiglio è di andare in un club dove puoi giocare e mostrare le tue capacità. Partire per il gusto di partire e lucidare il sedile è inutile.

Olimpiadi Parigi 2024, ci stai pensando o no ancora?

Sì, ci stiamo pensando perché sono anni che prepariamo questo evento olimpico. Ci siamo anche qualificati per la VNL per la prima volta nella storia. Onestamente sarà “l’estate dei regali” perché abbiamo fatto tutto il possibile per arrivare fin qui. È una grande ricompensa per noi. Non vediamo l’ora di vivere per la prima volta la VNL perché affronteremo squadre che non siamo abituati a sfidare come il Brasile o gli USA. Sarà una buona preparazione per le Olimpiadi.

Se incontrassi una giovane ragazza sulle spiagge di Gruissant, le diresti che valgono i sacrifici che sta facendo nella sua carriera?

Sì chiaramente. Sì, un atleta di alto livello, nel volley e non, fa tanti sacrifici, soprattutto familiari. Ma le emozioni che regalano le vittorie o i titoli non hanno eguali. Incoraggio le ragazze a non arrendersi mai e a dare tutto ciò che hanno. Ci divertiremo più tardi, quando smetteremo di giocare. Devi affrontare questi sentimenti e non arrenderti.

Commenti raccolti da Morgan Besa

Articoli più importanti

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *