Hard kick test: Roberto Baggio, il temuto campione d’Italia. sport

Nel tempo, questo è diventato un gesto innocuo, visto ogni fine settimana a terra calcio Da tutto il mondo. Dopo un fallo in area di rigore, il giocatore afferra la palla e la posiziona sul punto bianco a 11 metri dalla porta, aspetta il fischio dell’arbitro e colpisce la palla verso la porta. Alcuni addirittura diventano specialisti come Neymar o Zlatan Ibrahimovic Grazie alla loro impareggiabile freschezza e tecnologia. Tuttavia, la pratica della punizione non è facile. Un vero duello psicologico tra il portiere e il tiratore, alcuni si sono rotti i denti sotto pressione, altri hanno avuto un momento di gloria.

Pallone d’Oro 1993 e il giocatore che raramente lo equipara alla grazia, Roberto Baggio approda alle finali dei Mondiali del 1994 negli Stati Uniti con l’obiettivo nascosto della leadership Italia In cima al mondo. Nonostante la squadra lontana dalle emozioni, l’attaccante italiano ha continuato la sua squadra fino alla finale di Los Angeles contro il Brasile. Ma quel giorno, alla fine della suspense, il suo sogno si è vaporizzato per pochi centimetri. Legge severa sulla punizione.

estensione Questa settimana vi presentiamo una serie sulle sanzioni che hanno segnato la storia del calcio.

episodio 1. Antonin Panenka, una scoperta geniale

Episodio 2. Roberto Baggio, il temuto campione d’Italia

Episodio 3. Narrativa di Johan Cruyff con l’Ajax Amsterdam

Episodio 4. Maxim Bossis, giornata sfortunata

Episodio 5. La follia di Landro davanti a Ronaldinho

Episodio 6. Il giorno in cui Joel Bates ha distrutto la leggenda di Zico

Episodio 7. Nel 2006 l’addio al rigore di Zinedine Zidane

Episodio 8. Gian e il sogno caduto del Ghana

Non ha mai sbagliato un calcio di rigore nella sua carriera d’oro. Tuttavia, il 17 luglio 1994, nel forno dello stadio Pasadena di Los Angeles, il tentativo di Roberto Baggio volò sugli spalti gremiti di oltre 90.000 persone. Il Brasile De Romario ha poi vinto il suo quarto Mondiale, a 24 anni dalla sua ultima vittoria, già contro l’Italia.

READ  L'ex campione di F1 ha iniziato a fare kart

Un calcio di rigore sbagliato lascerà un’impronta indelebile sulla carriera del giocatore e sulla vita del giocatore come annunciato Così è stato presentato Nel 2013: “È fisso in me. Rimarrà lì per tutta la vita. Quando ero giovane sognavo di vincere il Mondiale con l’Italia contro il Brasile. Era il sogno perfetto, il mio sogno preferito. Solo che non sapevo come fare. quel sogno è finito. Quindi ecco il punto: è finito nel peggior modo possibile. “”

Il pallone sta volando sopra di noi. © Agence France-Presse

Tuttavia, prima che si sviluppasse questo destino, il numero 10 italiano aveva portato la sua squadra in finale e giustificato la sua statura di protagonista del torneo, in Squadra blu Sempre su un filo. Negli ottavi di finale contro la Nigeria, è stato un doppio per lui, incluso un rigore durante i tempi supplementari, che ha permesso alla sua squadra di guardare il turno successivo (2-1).

Impero fino ad allora

Nei quarti di finale contro la Spagna, è stato il suo gol alla fine della partita a spingere i transalpini in semifinale (2-1). Il ribelle con una doppia parata contro la Bulgaria (2-1) nel turno successivo per dare all’Italia la possibilità di vincere il Mondiale, che sarebbe stata una dedica a un giocatore raramente contento nei big match.

Perché Roberto Baggio nonostante la sua ingegnosità, la sua classe e il suo talento unico non ha avuto un record collettivo impressionante nonostante due titoli di campione italiano con Juventus Torino E il Milan oltre alla Coppa dei Campioni vinta nel 1993 con I bianconeri. Riguardava le finali, che purtroppo ha perso molto.

Foto Romario e il Brasile hanno vinto la loro quarta Coppa del Mondo.  © afp

Romario e il Brasile hanno vinto la loro quarta Coppa del Mondo. © Agence France-Presse

READ  La Premier League europea apre i suoi box

Quindi il 17 luglio 1994 avrebbe dovuto essere il suo momento. Quel giorno Los Angeles ha ospitato la sua prima finale di Coppa del Mondo sul suolo americano, una partita che dovrebbe concludersi con una versione divertente e ricca di gol che cancellerà i ricordi della noiosissima edizione del 1990.

Pelé esulta sugli spalti

Ma la scena non c’era, e la colpa in particolare è stata l’ondata di caldo che aveva proprio nelle ambizioni offensive dei 22 attori, poi il risultato è diventato inevitabile: per la prima volta la finale ha incoronato una nazione ai rigori.

Giocatori rivisti uno ad uno in area di rigore, il fallimento di Masaro davanti a Tafarel, poi un calcio di rigore del brasiliano Dunga che ha condannato al successo Roberto Baggio nel tentativo di non vedere il terreno sgretolarsi. Il Pallone d’Oro del 1993 non ne ha mancato nemmeno uno. Tuttavia. Il suo piede piatto è volato sopra la traversa e sono stati tutti i brasiliani, compreso Pelé sugli spalti, a gioire e poter sventolare la coppa dopo pochi minuti.

Nonostante ciò, fu l’immagine di Baggio, prostrandosi a testa bassa, con le mani sui fianchi, a segnare la storia di quella sera. Una triste immagine di uno dei più grandi attaccanti della storia del pallone.

estensione Questa settimana vi presentiamo una serie sulle sanzioni che hanno segnato la storia del calcio.

episodio 1. Antonin Panenka, una scoperta geniale

Episodio 2. Roberto Baggio, il temuto campione d’Italia

Episodio 3. Narrativa di Johan Cruyff con l’Ajax Amsterdam

Episodio 4. Maxim Bossis, giornata sfortunata

Episodio 5. La follia di Landro davanti a Ronaldinho

Episodio 6. Il giorno in cui Joel Bates ha distrutto la leggenda di Zico

Episodio 7. Nel 2006 l’addio al rigore di Zinedine Zidane

Episodio 8. Gian e il sogno caduto del Ghana

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *