Ha messo da parte gli italiani e gli spagnoli

Ha messo da parte gli italiani e gli spagnoli

Thierry Marie era una figura di spicco del Peloton negli anni '80 e vide il passaggio all'EPO all'inizio degli anni '90.

Thierry Marie difficilmente si godrà il percorso del Tour de France, che inizierà l'1Qualunque Il prossimo luglio. Il Normanno era infatti un grande specialista negli esperimenti sul tempo e in particolare nelle introduzioni. Quest'anno i ciclisti dovranno sistemarsi solo una volta, soprattutto in montagna. Tutto tranne la tazza di tè per il Mancheese, noto per la sua franchezza.

Interrogato nelle colonne di Pédale, l'ex maglia gialla del Tour ha raccontato la sua carriera con le sue solite battute, ricordando in particolare l'arrivo dell'EPO nel gruppo all'inizio degli anni '90, mentre accendeva le sue ultime luci. Ci assicura: se prende corticosteroidi – “Era una legione, ed è stata bandita e scoperta troppo tardi.” -, Mai provato l'EPO. “Ebbene no, zero. Mi sono fermato appena in tempo. Con l'EPO è diventato… praticamente tutti gli italiani erano ben armati, Lui spiega. Armand Maigret, il nostro medico a Casteau, era un medico di famiglia molto apprezzato. Non voleva sentire parlare di tutte queste cose. rispetto. Ma rileggiamo gli scritti di Albert Londres: le sostanze psichedeliche sono sempre esistite. I medici spagnoli hanno affermato che l’EPO è meno dannoso dei corticosteroidi.

Eravamo tutti uguali, con qualche eccezione.

I casi di doping che si moltiplicarono dopo la fine della sua carriera restano ricordi dolorosi per Thierry Marie. “Abbiamo visto dei corridori sparare, erano ubriachi e non si sentivano bene… È doloroso vederlo. E quando penso a Frédéric Muncassen o altri, che si sono dichiarati positivi dopo il fatto, dopo che i controlli si sono sciolti… Non scherzo, questo aspetto Dopo anni di azione reazionaria è diventato difficile, è possibile contare su di lui? Si chiede. Quindi alcuni negano tutto completamente, come Jagga. “Beh, sì, mi sono piaciuti gli altri”, ha detto direttamente Jackie Durant. Allora dico come Dodo: eravamo tutti uguali, con qualche eccezione…”

READ  Calcio europeo: i primi risultati delle partite di sabato

Thierry Marie continua il suo discorso sull'affare Festina, che celebreremo il 25 luglioH compleanno. “Bruno Rosell è incredibile, perché quando lavorava alla RMO o all'Helvetia, con Paul Kuechly, il doping era fuori questione. Vi dirò: quando Willy Voight è stato arrestato, ce n'era una quantità incredibile, è stato per un intero plotone e ha detto che “era solo per Festina, altrimenti sarebbe stato condannato a 20 anni di prigione”. Conferma.

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *