Gli Stati Uniti esortano gli alleati a rimpatriare i combattenti islamisti

Roma Capote Mundi. Per tre giorni, la capitale italiana è la capitale diplomatica del mondo segnando la visita di Anthony Blinken. Martedì il Segretario di Stato Usa partecipa alla riunione dei ministri degli Esteri del G-20 presieduta dall’Italia. Ma il culmine della sua presenza a Roma è avvenuto lunedì, in occasione dell’incontro anti-Isis. Fondata nel 2014 con più di 80 paesi guidati dagli Stati Uniti, la Coalizione globale contro lo Stato islamico ha salutato i successi pur riconoscendo che se l’ISIS viene sconfitto, non è stato completamente sradicato.

Anthony Blinken chiede ai suoi alleati di restituire i loro cittadini detenuti all’estero dopo aver combattuto lo Stato Islamico, credendo che non possano essere trattenuti a tempo indeterminato in Siria. Ci sono circa 10.000 sospetti militanti detenuti da combattenti curdi alleati con l’Occidente. ” Questa situazione è semplicemente insostenibile. non può continuare all’infinito, ha detto Anthony Blinken. Gli Stati Uniti continuano a sollecitare i paesi – compresi i partner della coalizione – – per me Rimpatriare e riabilitare i suoi cittadini e, se del caso, perseguirli A un appello già lanciato dall’amministrazione Trump si oppongono Francia e Gran Bretagna.

La questione umanitaria in Siria

L’accento è stato posto anche su L’importanza di rispondere ai bisogni umanitari in Siria. Secondo un rapporto di Human Rights Watch, le forze democratiche siriane a guida curda detengono più di 63.000 mogli e figli di sospetti combattenti dell’ISIS provenienti da più di 60 paesi in due campi circondati da filo spinato.

Il file cinese pesa sulle relazioni italo-americane

« Questo vertice e l’incontro del G20 sono un segnale del ritorno dell’Italia alla ribalta della scena diplomatica “Ha accolto Luigi Di Maio, che ha insistito sulla piena intesa tra italiani e americani. ” È soprattutto un perfetto accordo tra la nuova amministrazione democratica e Mario Draghi, afferma il geopolitico Germano Duttori. È stato Barack Obama a sostenere la nomina di Angela Merkel a capo della Banca centrale europea. La fama assoluta di Draghi e le sue reti al di fuori delle ristrette reti italiane compensano le debolezze strutturali della diplomazia transalpina. Ma ci sono ancora alcune questioni delicate, come le posizioni molto ravvicinate del ministro degli Esteri italiano. »

READ  La Tunisia vincerà la causa sui rifiuti italiani

Ventinove contratti e memorandum d’intesa sono stati firmati nel 2019 dopo la visita di stato del presidente cinese Xi Jinping in Italia. La penisola diventa così l’unico Paese del G7 che ha aderito al progetto “Nuove Vie della Seta” promosso da Pechino. Un’affinità che non soddisfa il Dipartimento di Stato americano.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *