Gli ebrei d’Italia, Francia, Danimarca, Ungheria… ei loro sentimenti per l’antisemitismo. – Valle d’Israele

Il Belgio è il peggior paese in cui vivere per gli ebrei, secondo uno studio che confronta la qualità della vita degli ebrei in 12 paesi europei.

Tra i criteri di valutazione utilizzati per questa indagine commissionata dalla European Jewish Association, la tutela della libertà di culto, i sentimenti di antisemitismo e il coinvolgimento delle autorità pubbliche su questi temi.

Per quanto riguarda il Belgio, lo studio punta quindi alla messa in discussione della libertà di culto nel Paese con le minacce che incombono sulla macellazione rituale, nonché al forte clima di antisemitismo e alla scarsa reattività delle autorità alle richieste della comunità ebraica .

La Francia si colloca al centro della classifica, per la sua situazione contrastante. Se l’indagine rileva effettivamente che le autorità pubbliche stanno ascoltando gli ebrei del paese e che stanno mettendo in atto politiche ferme per proteggerli, rileva che la comunità ebraica in Francia è la più preoccupata. dell’Europa in termini di sicurezza.

Un paradosso che i ricercatori spiegano con gli attacchi e i crimini antisemiti commessi sul suolo francese negli ultimi anni, oltre che dalle tensioni che riaffiorano durante ogni conflitto in Israele e, infine, dall’insicurezza in alcuni quartieri.

Secondo i risultati di questo studio, i tre paesi in cui le persone di fede ebraica vivono meglio sono l’Italia, la Danimarca e l’Ungheria.

i24Notizie.

READ  Thibaut Pinot chiude una stagione delicata in Italia al Tour di Emilie e Lombardia

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.