Gli artisti preistorici sono mai stati fotografati per dipingere le proprie pitture rupestri?

Un audace studio di ipotesi ha avanzato per spiegare i disegni a volte bizzarri di pitture murali sepolte sul fondo delle caverne: gli uomini paleolitici li avrebbero dipinti in un secondo caso. E senza allucinogeni! Spiegazioni.

È noto che molti artisti hanno prodotto le loro opere principali sotto l’influenza Medicinale. Van Gogh Immerso nell’assenzio, Charles Baudelaire si concedeva la cannabis e l’oppio mentre Francis Picabia dipingeva i suoi dipinti psichedelici duranteAllucinazioni A causa degli oppiacei. Per non parlare dell’LSD che era di gran moda negli anni Cinquanta nel mondo artistico.

Tuttavia, la pratica risale a molto tempo prima. Anche agli uomini preistorici se vogliamo credere a Yavit Keidar, ricercatore dell’Università di Tel Aviv e autore di uno studio pubblicato il 31 marzo sulla rivista. Tempo e mente: un giornale di archeologia, coscienza e cultura. Secondo la sua ipotesi, gli umani hanno disegnato le immagini Grotte nel Paleolitico (Tra 50.000 e 12.000 anni) non era nel suo stato naturale quando è stato creato perché … a causa di una carenzaOssigeno. Per avventurarsi in profondità nelle grotte, dovevano essere illuminate da torce che, consumando ossigeno, avrebbero provocato uno stato diIpossia Nel cervello. Oppure, l ‘Ipossia Aumenta la produzione DopaminaCiò annegherebbe i pittori delle caverne “. In uno stato di coscienza e sensibilità alteratetranceE fuori dal corpo esperienze e forse anche Allucinazioni “Yavit Kedar scrive con i suoi compagni. Queste esperienze li avrebbero aiutati a ” Sfruttare livelli più profondi di creatività “E il” Entrare in relazione con l’universo ».

Accesso a “esperienze spirituali”

La base di questa audace ipotesi è la questione della formazione delle grotte. Durante le sue visite alle grotte europee, Yafit Kedar è rimasto scioccato dai dipinti dipinti in luoghi quasi inaccessibili. ” Perché [ces hommes] Sono andati al buio, in un tale isolamento, per un miglio al chiuso? Queste grotte sono intimidatorie e hanno vicoli stretti », Dice in un’intervista al quotidiano israeliano Haaretz. Poi si sono resi conto che in questi luoghi scarsamente ventilati, si sono meravigliati del fatto che causasse allucinazioni e li aiutasse ad accedere a “esperienze spirituali”. ” Questo potrebbe in parte spiegare perché gli esseri umani preistorici hanno disegnato disegni dove nessuno normalmente li vedrebbe. »Il vestito di Yafit Kedar.

READ  Partecipa a Bioblitz Science & Vie, un gigantesco osservatorio...

Per supportare la sua ipotesi, Kedar e colleghi hanno simulato l’effetto delle torce sulle concentrazioni di ossigeno all’interno come quelle trovate nelle grotte del periodo Paleolitico e hanno scoperto che i livelli di ossigeno negli stretti corridoi scendono rapidamente al di sotto del 18%, una soglia nota per indurre ipossia in gli esseri umani. Questo potrebbe spiegare alcuni degli strani disegni, la cui ispirazione sembra essere più simbolica che simbolica. ” Di solito vediamo schemi ripetuti in Arte rock, Che denota un Intenzione di comunicare Invece di una pura decorazione », Conferma sul giornale Haaretz David Wheatley, esperto di etnografia e arte rupestre, non è stato coinvolto nello studio. La pittura di cavalli, nella grotta Chauvet in Francia, è un buon esempio della successione di 21 figure.

Entra in contatto con “Caveman Spirit”

Naturalmente, i primi esseri umani non avevano idea della spiegazione scientifica dietro a tutto ciò. Invece del loro caso, attribuiscono la loro alienazione alla natura della caverna stessa. ” L’idea è che siano entrati [ndlr : dans les entrailles des grottes] Perché pensavano che ci fosse qualcosa, come gli spiriti, nei muriAvance Yavit Kedar. Ecco perché finora si sono avventurati nella grotta ».

L’articolo cita anche altri esempi di civiltà che attribuiscono poteri magici alle grotte. Così gli abitanti della Mesopotamia credevano che alla morte l’anima lasci il corpo e discenda nel mondo sotterraneo attraverso le fessure della terra. Gli autori spiegano anche che i Cherokee vedevano grotte e fessure come porte per un altro mondo Haaretz.

Ovviamente questa ipotesi non si applica a grotte ben ventilate e con bocca larga. Inoltre, non possiamo consigliarti di non riprodurre la grotta di Lascaux in una cantina poco ventilata. Rischi solo di svenire invece di un’opera d’arte.

Ti interessa quello che hai appena letto?

READ  Dobbs to join a NASA astronaut to answer STEM questions

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *