Gli arbitri del campionato francese sono più forti dei loro omologhi nei maggiori campionati europei?

Le giornate di campionato si susseguono e con esse la loro quota di polemiche sulle decisioni arbitrali. Il più recente: Nicowa Jean-Claire Todibo è stato espulso duramente dopo nove secondi di gioco, domenica 18 settembre, contro l’Angers. Gli arbitri hanno ricevuto istruzioni precise? I giocatori sono più stressati in una stagione con quattro touchdown? Con 34 cartellini rossi dall’inizio della stagione, la Ligue 1 è, tuttavia, il campionato più “prolifico” tra i cinque maggiori campionati europei, per una serie di eccezioni.

Decisioni arbitralialtamente discutibile, persino scandaloso ”, Secondo Jean-Claire Todibo. “incoerenza”Informazioni sul direttore sportivo del Monaco Paul Mitchell. Tutti mi chiamano dalla Spagna e mi chiedono perché ci sono così tanti cartellini rossi. Non è normale…”Aggiunge l’allenatore del Reims Oscar Garcia. Dall’inizio della stagione, le critiche si sono propagate agli arbitri francesi, molte delle cui decisioni sono state fraintese e persino messe in discussione dai giocatori della prima divisione francese.

Con 34 cartellini rossi distribuiti dall’inizio della stagione, di cui 11 solo per la terza giornata, la Ligue 1 è in vantaggio sui maggiori campionati europei. Per fare un confronto, il ministero della Giustizia ha ordinato l’evacuazione di 19 operazioni il recensore Dalla Liga, 15 di arbitrato Serie A, 12 di Schiedsrichter Dal campionato tedesco e infine solo quattro prima il recensore dalla Premier League inglese.

Ma dietro questi numeri si nascondono fatti diversi. La Ligue 1 è infatti il ​​torneo più avanzato, con otto giornate interamente disputate, mentre gli italiani ne hanno giocate solo sette, il campionato inglese è stato interrotto in onore della Regina Elisabetta II, il campionato spagnolo ha giocato solo sei giornate, e il campionato tedesco ha solo 18 squadre. , 9 partite al giorno invece di 10.

READ  Una trappola in attesa di Felix Auger-Aliassime

Quindi, creando una media che consenta un confronto equo, sembra comunque che la Ligue 1 rimanga il torneo che distribuisce in media più cartellini rossi a partita. Ma in tema di cartellini gialli, la Ligue 1 non è il torneo in cui le fette biscottate vengono distribuite più spesso, con una media di quattro a partita contro 4,6 in Italia e addirittura 5,5 in Spagna.

La Seconda Divisione non deve essere da meno: nei nove giorni del torneo sono state distribuite 42 espulsioni, con una media di 0,47 espulsioni a partita, il che potrebbe indicare che gli arbitri delle prime due divisioni sono stati istruiti molto da vicino dai due squadre. Servizio di arbitrato tecnico (DTA). Alla fine di agosto, il vicedirettore tecnico di DTA, Stéphane Lannoy, ha parlato su questo argomento: “Come ogni anno, all’inizio di ogni stagione, mettiamo in atto un certo numero di istruzioni. Ribadiamo la tutela e l’incolumità fisica dei giocatori, perché non ci accontentiamo di una partita che si conclude con due o più infortuni sul ogni lato.”

Ai governanti francesi è stato chiesto anche di essere più severi riguardo alle proteste e allo strappo delle maglie: “Il messaggio di questa stagione è stato che non vogliamo più vedere un arbitro circondato da un gruppo di giocatori che sono venuti a mettergli pressione in qualche modo. Una volta che un giocatore inizia ad avvicinarsi alla competizione, quel giocatore verrà sistematicamente avvertito, per impedire ad altri di unirsi a lui. La terza lezione è aumentare la tensione di cintura e (camicia) nell’area. Questi soggetti sono soggetti a una maggiore vigilanza da parte dei governanti.Stephen Lannoy ha sottolineato.

READ  Attento, Bernal ha intenzione di aspettare per vedere come reagirà la sua schiena

Secondo l’ex arbitro internazionale Bruno Deren, i quattro touchdown di fine stagione causano anche più tensione in campo. “Il Quattro run possono generare un impegno molto maggiore da parte delle squadre e dei loro giocatori, che a tutti i costi vogliono ottenere punti il ​​più rapidamente possibile, Lui spiega. Mi ricorda la stagione 1992-1993 quando ero arbitro in seconda divisione. A quel tempo, la revisione della D2 spostò il torneo da due gironi di 18 club a un girone di 22 club, due dei quali furono promossi. Quindi sedici squadre dovevano passare alla National League 1, e ricordo che era molto tesa, con molta pressione e impegno.

Mentre sembra che la disciplina sia tornata la scorsa stagione, con 21 cartellini rossi distribuiti in otto giorni, il campionato francese si trova sulle stesse basi del 2020-2021, poiché il campionato ha visto il colore rosso 33 volte nella stessa fase della stagione. e 102 volte dopo 38 giorni. Ma quella stagione pesò soprattutto nei calcoli la squadra “classica” del PSG-OM per la terza giornata, con 5 espulsi a fine partita.

In questa stagione anche il video assist (VAR) è stato al centro delle critiche, come quella di Oscar Garcia dopo che il suo giocatore Bradley Loko è stato espulso contro il Monaco: Ne abbiamo parlato con l’allenatore del Monaco e ha anche detto che non era un cartellino rosso… Non so perché non abbiamo usato il VAR”.. Ma secondo l’ex arbitro Bruno Derin, c’è una logica nella mancanza di assistenza video: Se il VAR non interviene è perché l’assistente sta camminando nella stessa direzione dell’arbitro centrale. Gli assistenti video sono anche arbitri, seguono gli stessi corsi e ricevono le stesse istruzioni, così possono essere capiti”.

Nel tentativo di calmare le cose, il dipartimento di arbitrato tecnico ha invitato martedì gli allenatori della Ligue 1 a visitare il centro di osservazione del VAR.

READ  L'Imperial Filippo Gana in prima linea nel tour della Germania

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.