Gli abitanti del Quebec hanno un rapporto migliore con l’alcol rispetto a 35 anni fa, afferma Éduc’alcool

Gli abitanti del Quebec hanno un rapporto migliore con l’alcol rispetto a 35 anni fa, afferma Éduc’alcool

MONTREAL – Il rapporto dei quebecchesi con l’alcol è cambiato in meglio, anche se non bisogna smettere di sensibilizzare la popolazione alle buone abitudini, conclude il rapporto Éduc’alcool, che celebra il suo 35esimo anniversario.

Per l’occasione l’organizzazione no-profit ha inoltre nominato André Robitaille nuovo ambasciatore. Dal 1989, l’organizzazione indipendente lavora per informare e sensibilizzare gli abitanti del Quebec sugli effetti del consumo di alcol.

Trentacinque anni dopo sono stati fatti molti progressi, in particolare per quanto riguarda il consumo durante la guida, ma è cambiato anche il rapporto degli abitanti del Quebec con le bevande alcoliche. Oggi il 60% della popolazione dichiara un rapporto moderato con l’alcol.

“C’è ancora molta strada da fare, ovviamente, ma se confrontiamo con prima, è meglio”, ha detto Genevieve Desautel, direttore generale di Éduc’alcool, in un’intervista. Tuttavia, sottolinea, c’è ancora il 30% della popolazione che beve di più in modo rischioso. “Dobbiamo continuare a sensibilizzare nel modo giusto in modo che possano fare scelte informate e non che ci troviamo in una posizione prescrittiva”, afferma.

Ci sono stati grandi cambiamenti con moderazione, ritiene la principale organizzazione del Quebec che promuove il consumo responsabile. La signora Desautel ricorda le fotografie d’archivio che mostravano la sottovalutazione e persino il consumo eccessivo di alcol.

Ad esempio, la famosa foto della birra tra le gambe durante la guida era un comportamento “assolutamente riprovevole”, ricorda la Desautel. L’etica è cambiata molto, ed è una costante al giorno d’oggi che quando bevi non guidi. È comune avere un autista designato, soprattutto per i giovani che hanno tolleranza zero nei confronti della patente di guida.

READ  È morto John Goodenough, uno degli inventori della batteria agli ioni di litio

“Non limitiamo più il consumo di alcol in questa misura, ma piuttosto abbracciamo una cultura di moderazione”, afferma la signora Desautel.

Ha detto che la scienza non è d’accordo sul fatto se l’alcol sia dannoso fin dal primo sorso o se ci siano quantità a basso rischio. “Per questo noi di Éduc’alcool diciamo: oltre alle quantità, la cosa più importante è perché si beve”, spiega il direttore.

Assaggiare un prodotto locale, celebrare o valorizzare un’esperienza sono abitudini di consumo che dovrebbero essere incoraggiate, a differenza di bere alcolici per partecipare a una festa o dimenticare il peso mentale.

“Stiamo parlando di far sì che gli abitanti del Quebec facciano scelte informate riguardo al consumo responsabile, e non stiamo parlando di quantità, ma più del loro rapporto con l’alcol”, riassume la signora Desautel.

Aumenta la sobrietà

Il rapporto Éduc’alcool rivela che il 10% della popolazione non beve affatto alcol.

“Ne abbiamo visti di più negli ultimi anni, ma c’è una destigmatizzazione delle persone che scelgono di non bere alcolici”, afferma la signora Desautel. (…) La gente vuole tenere un drink in mano perché è socialmente interessante come stampella, ma non deve contenere alcol, e ci si interroga meno su cosa c’è nel bicchiere di tutti perché sono affari di tutti.

Una delle sfide che Éduc’alcool dovrà affrontare nei prossimi anni è rimuovere lo stigma del consumo. Secondo l’organizzazione, il 25% delle persone mente ai propri medici riguardo al proprio consumo perché si sente in imbarazzo per aver mangiato “troppo” o perché non ne ha idea.

L’organizzazione vuole anche affrontare ciò che circonda l’alcol, come il consumo di cannabis e i giochi d’azzardo.

READ  The tech trends we saw at CES 2021 started

I contenuti sanitari della stampa canadese ricevono finanziamenti attraverso una partnership con la Canadian Medical Association. La stampa canadese è l’unica responsabile delle selezioni editoriali.

You May Also Like

About the Author: Adriano Marotta

"Pluripremiato studioso di zombi. Professionista di musica. Esperto di cibo. Piantagrane".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *