Giro. Giro d’Italia – Guimard: “Thibaut Pinot? Questo è l’eterno problema…”

Giro.  Giro d’Italia – Guimard: “Thibaut Pinot?  Questo è l’eterno problema…”

Le deludenti prime due settimane di Giro d’Italiai passaggi chiave a venire, Thibaut Pinot (Groupama-FDJ), la maglia rosa del Bruno Armirail (Groupama-FDJ), la polemica sulla 13^ tappa… Il nostro opinionista Cirillo Guimard ex direttore sportivo ed ex allenatore della Francia, adesso consulente su RMC Sport E Il canale La squadra – non ha evitato alcun argomento per la sua rubrica Notizie sul ciclismo. Come sempre, ci piace o non ci piace… ma potete guardarlo e leggerlo! Insomma, circa 20 minuti di confronto e intervista con Il Druido, e si trova qui sotto…

Video – La Chronique Guimard prima della 3a e ultima settimana del Giro

Cosa ricordi di queste prime due settimane di Giro?

I punti chiave sono stati i cronometro. Abbiamo un percorso che è una vera carneficina, ma molte tappe vengono saltate. Tanto più che ci sono stati diversi ritiri, quindi ci sono molte squadre che potrebbero passare all’offensiva per la classifica generale, che non vogliono correre il rischio di puntare sulla maglia rosa prima della 3a settimana. La vera gara inizierà con i sopravvissuti che trascorreranno la giornata libera. Questo comportamento delle squadre che giocano la classifica generale è anche ciò che spiega perché molte fughe vadano fino in fondo.

La maggior parte delle difficoltà sono nella terza settimana, è un errore?

Il problema per un organizzatore è trovare percorsi, trovare città… Una volta che sei nelle Dolomiti, è difficile scendere a Pisa, quando si attaccano le Alpi devi fare almeno due o tre grandi tappe di montagna. Non diamo colpe agli organizzatori, mettiamoci al loro posto.

READ  "Non lavoriamo più in Italia"

La 16^ tappa con arrivo al Monte Bondone sarà la prima spiegazione tra i favoriti?

Non sono sicuro che vada a questo passaggio. Tutti i leader sono a meno di un minuto di distanza nella classifica generale. Quindi se passi all’offensiva e vieni contrastato… sei morto. Nell’ultima salita, possibilmente, se senti di avere le gambe di fuoco, lì puoi andare. Ma, poiché non c’è stata gara, è difficile sapere chi è il favorito più forte.

Chi può distinguersi in questa terza settimana?

C’è Geraint Thomas, Primoz Roglic e Joao Almeida, può succedere tra questi tre. Ma voglio dire ‘stiamo a guardare’ e non disegnare piani sulla cometa, perché questo Giro d’Italia è molto particolare, con comportamenti dove siamo in gestione permanente per non perdere tempo.

Bruno Armirail in rosa… è eccezionale

È buonissimo, non l’ha rubato a nessuno, è andato a prenderlo sul pedale! Lo è ancora di più per Bruno Armirail, ha dimostrato di non poter essere un semplice compagno di squadra. Sta assumendo una nuova dimensione.

Cosa possiamo aspettarci da Thibaut Pinot in questa terza settimana?

Non lo sappiamo, perché nemmeno lui lo sa. È l’eterno problema con Thibaut Pinot, a un certo punto ti dice che sta giocando le tappe, il giorno dopo la classifica della montagna e poi dopo la generale. Sarebbe comunque bello avere un vero progetto di corse. Non sappiamo cosa farà.

Dopo la modifica del percorso della tappa 13, abbiamo avuto una grossa polemica, qual è la tua opinione?

C’è un momento, potrebbe essere necessario smettere di standardizzare tutto come facciamo oggi. Penso che si debba guardare all’interesse del ciclismo, l’essenza stessa del ciclismo e ciò che ha reso famoso lo sport, la leggenda. Con queste regole, non avremmo Bernard Hinault che vincesse la Liegi-Bastogne-Liegi sulla neve. Se ora dobbiamo organizzare gare come se stessimo organizzando un’escursione… Sono completamente d’accordo con Marc Madiot su questo argomento.

READ  "Ecco come dovrebbero arbitrare gli arbitri"

Romain Grégoire ha vinto la 4 Days of Dunkerque, promette per il futuro?

Non sapevamo dove, quando e come avrebbe vinto… ma sapevamo che sarebbe successo. È un corridore che vediamo arrivare da tre anni. Penso anche che Marc Madiot stia creando una nuova squadra. Considerando tutti i giovani arrivati, credo che si stia mettendo in piedi una macchina da guerra, con ragazzi come Romain Grégoire e Lenny Martinez.

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *