Giro d’Italia | Peter Sagan senza fallo

La squadra di Bora-hansgrohe ha presentato una lezione di sprint perfetta per permettere al loro leader Peter Sagan di vincere lunedì alla decima tappa del Giro d’Italia. Approfittando dell’ultima salita di giornata, Valico della Somma, il team tedesco ha guidato a tutta velocità davanti al plotone per vincere i velocisti che avrebbero potuto contendersi la vittoria in questa tappa di 139 chilometri tra L’Aquila e Foligno.


Sportcom

Al fianco di Antoine Duchesne e dei compagni di Groupama-FDJ, è stata la prima volta in quattro giorni che non hanno dovuto proteggere la maglia rosa di Attila Valter, detronizzato domenica dalla vetta della classifica generale provvisoria .

Vedendo le maglie verde, bianco e nero del tre volte campione del mondo davanti a 45 chilometri dal traguardo, il Quebec sapeva bene cosa si profilava per l’ultima ora di gara.

“Sagan e Bora hanno giocato perfettamente le loro carte e penso che tutti se lo aspettassero. Quindi la finale è stata molto veloce “, ha detto Duchesne, 168e (+10 minuti e 11 secondi) della giornata, in un comunicato stampa della sua squadra.

In questo corteo regolato come carta da musica, l’ultimo sprint intermedio è venuto ad animare la gara. A 16 chilometri dal traguardo, il Deceuninck-Quick Step ha provato a conquistare Remco Evenepoel in modo che potesse mettere le mani sul bonus di tre secondi in palio, che avrebbe ridotto il distacco tra lui e la maglia rosa.

Gli INEOS-Grenadiers si sono quasi sorpresi e Jhonatan Narvaez è riuscito finalmente a superare il belga che ha comunque guadagnato due secondi, seguito a ruota dalla maglia rosa Egan Bernal (INEOS-Grenadiers). Il vantaggio del colombiano su Evenepoel nella classifica generale è di 14 secondi. Duchesne punta a 155e riga (+1 ora 42 minuti 29 secondi).

READ  Turchia-Italia e Djokovic-Nadal ottengono grandi ascolti in TV

Il gruppo potrà finalmente beneficiare di un primo giorno di riposo martedì prima di riprendere la strada il giorno successivo, da Perugia a Montalcino, per una tappa di media montagna di 162 chilometri.

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *