Giro d’Italia: Pedersen vince ed Evinbol cura le ferite a Napoli | TV5MONDE

Giro d’Italia: Pedersen vince ed Evinbol cura le ferite a Napoli |  TV5MONDE

Alla vigilia di una prima incursione in alta montagna, Remko Evenpoel ha guarito le sue ferite al Giro d’Italia giovedì a Napoli quando Mads Pedersen è entrato nel club ristretto dei tre grandi vincitori di tappa.

Sotto il ritorno del sole, Evenböl, che il giorno prima era caduto pesantemente due volte su strade bagnate, ha potuto approfittare di questa sesta tappa breve (162 km) e relativamente tranquilla per riprendere colore, indossando la sua maglia iridata di campione del mondo.

In una posizione da cartolina, con Pompei, i piedi del Vesuvio e la sublime Costiera Amalfitana sul percorso, il belga è rimasto caldo nel gruppo permettendo alla fuga di staccarsi velocemente. Prima di rimontare, in un crudele gioco del gatto col topo, altri due, Simon Clarke e Alessandro Di Marchi, sono scappati a soli 300 metri dal traguardo.

Molto commosso all’arrivo, si è congratulato con entrambi, 36 anni, e soprattutto si è consolato a lungo. Clark ha commentato: “Abbiamo perso dieci secondi. Avrei preferito che ci avessero preso dieci chilometri prima. Sono caduto a pezzi”.

Il campione del mondo 2019 Mads Pedersen ha colto l’occasione per alzare le braccia per la prima volta al Giro, dopo aver vinto il Tour de France dello scorso anno e i suoi tre successi al Tour de España in uno sprint, diventando il 104esimo corridore in gara. Storia per vincere tutte e tre le gare.

Danesh ha commentato: “Sono davvero dispiaciuto per entrambi gli uomini. Non sono stati facili da catturare, tutte le divisioni nemiche avrebbero dovuto lanciare in battaglia gli uomini disponibili. Ma sono così felice di essere venuto per questo”.

Tremendo arrivo in volata, senza cadere, è esattamente il giorno che Remco Evenepoel sognava dopo il suo doppio uomo il giorno prima quando era andato al tappeto prima per colpa di un cane, e poi in un finale del tutto caotico.

“È stata una buona giornata per ruotare le gambe e testare i muscoli. È stata una buona giornata per recuperare”, ha detto Evenpoel dopo la tappa al microfono a Eurosport.

Affrontare il dolore

Vittima di un grosso ematoma intramuscolare e trauma alla regione sacrale, è riuscito a passare una “buona notte”, come ha detto all’inizio. Il belga ha aggiunto: “Ho mal di schiena, ho molti lividi. Ma è la vita, questa è una gara. Devi cercare di gestire al meglio il dolore e rilassarti perché penso di aver bisogno di molta energia per il mio intervento chirurgico”. che rimane secondo dietro la maglia rosa della Norvegia Andreas Leknesund.

Il ciclista norvegese Andreas Leknesund indossa la maglia rosa di leader al termine della sesta tappa del Giro d’Italia a Napoli l’11 maggio 2023.

Francia Agenzia di stampa

E di energia, ne avrà bisogno venerdì perché è una vera tappa di montagna quella che attende i corridori, con la loro prima incursione in quota.

L’arrivo sarà giudicato a 2.130 m in cima al Gran Sasso d’Italia, dopo una lunghissima salita di 26 km, che prevede una media modesta (3,4%) ma diventa molto impegnativa negli ultimi quattro chilometri (8,2%).

READ  Euro 2024 - Italia: cresce la preoccupazione per Barilla

Entrambe le pendenze rappresentano un’ottima prima spiegazione tra i favoriti e potrebbero indurre alcuni di loro ad andare a testare il vero stato di forma di Evenepoel.

“Spero che domani non sia una brutta giornata, vedremo”, ha detto il belga. Chi dubiterebbe di più che a settembre, prima di vincere la Vuelta, abbia avuto un leggero cedimento durante la quattordicesima tappa, due giorni dopo la caduta.

“Rymko sorride, come sempre. Ci siamo presi il tempo ieri per assicurarci che non si fosse infortunato gravemente. È pronto per andare fino alla fine di questo Giro, senza ombra di dubbio”, ha confermato uno dei suoi direttori sportivi , Clas Lodewick.

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *