‘Giovanni’ Moretti è vicino al suo ‘doppio’ sullo schermo

‘Giovanni’ Moretti è vicino al suo ‘doppio’ sullo schermo

Visualizza “mondo” – da non perdere

L’ultimo lungometraggio di Nanni Moretti, Verso un futuro radiosoUscito a fine aprile in Italia, presentato con una tappa al Festival di Cannes a maggio, è l’opera di un uomo libero, anzi emancipato. All’età di 69 anni, il ruolo da killer con cui è finito ha interrotto il suo lavoro, in particolare con le cose più desolate Vedi la mia dichiarazione (Rilasciato nel 2021). Si riconnette persino con il personaggio del passato, il capuchard scontroso, bizzarro, combattivo che lui stesso ha interpretato, e la cui procrastinazione la sinistra italiana ha a lungo ammirato. Precedentemente chiamato Michele Apicella, questo alter ego è qui ribattezzato Giovanni. O il vero nome che si nasconde sotto il diminutivo “Nanni”, a indicare una chiara affinità tra il regista e il suo sosia sullo schermo.

Leggi la recensione (Cannes 2023): Il materiale è riservato ai nostri abbonati In Towards a Bright Future, Nanni Moretti anticipa un film sul disastro esistenziale

Giovanni è infatti un regista anziano, che si propone di girare un film sul periodo: l’Italia del 1956, quando sente gli echi della rivolta popolare scoppiata in Ungheria contro il regime comunista. A Quarticciolo, periferia romena, la locale cellula del Partito Comunista Italiano (PCI) riceve una troupe circense ungherese, accolta da Ennio (Silvio Orlando), direttore di UNITAe sua moglie, Vera (Barbora Populova). La stessa sera fu annunciato che i carri armati sovietici erano entrati a Budapest e avevano schiacciato la rivoluzione. Vera sostiene i piantagrane e vede lì un’opportunità perfetta per il PCC di sfuggire alla tutela sovietica. Enyo, goffo dirigente politico, si chiude nelle proprie contraddizioni, senza mai uscirne.

READ  Fast Wurl Channels sta arrivando su LG Channels

Tuttavia, questo scenario amaro e pericoloso non regge davvero, poiché Giovanni viene separato da lui mentre tutto intorno a lui va in pezzi. Sua moglie e produttrice regolare Paula (Margarita Bay) lo lascia per lavorare su thriller violenti alla moda. A corto di soldi, il suo coproduttore francese (Mathieu Amalric) si ritrova ben presto ammanettato. Inoltre sua figlia, la compositrice (Valentina Romani), ha sposato un diplomatico settantenne. Categoricamente, il mondo moderno ha continuato a ignorare i responsabili delle decisioni di Netflix, uno spiedo di robot umanoidi, solo per scoprire che la sua sceneggiatura mancava di un tocco. “che diavolo” – che lo lascia senza parole.

Versione italiana di Sascha Guitry

Nei panni di Giovanni, nativo del boom ribelle all’ordine delle cose, Moretti non è più esattamente la data dell’anno scorso, e alla sua performance si è aggiunta una dimensione in più: lo spessore dell’età – le posizioni sono più rigide , il flusso più lento, la momentanea assenza e il tempo sincopato lo rendono ancora più impegnativo. In effetti, il regista e attore non assomigliava per niente alla versione italiana di Sascha Guitry: ideatore di una storia di finzione, che dirigeva il suo film dall’interno, interferendo con ogni inquadratura come per modificare una lezione o aggiungervi il proprio commento.

Hai il 48,25% di questo articolo da leggere. Quanto segue è riservato agli abbonati.

You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *