Giorgia Meloni, prima donna alla guida dell’Italia, entra in carica

Momento storico domenica mattina a Roma, quando il premier uscente Mario Draghi ha passato il testimone alla postfascista Giorgia Meloni, prima donna a guidare un governo in Italia.

Il passaggio del potere avvenne sotto il dorato Palazzo Chigi, sede del governo a due passi dal parlamento, esattamente un secolo dopo l’ascesa al potere di Mussolini, di cui la Meloni era un’ammiratrice.

Al suo arrivo sul tappeto rosso allestito per l’occasione, la signora Meloni, vestita con pantaloni neri e camicetta bianca, ha passato in rassegna la guardia d’onore al suono della banda musicale.

Visibilmente commossa, è stata accolta in cima alle scale dal Sig. Draghi, che le ha augurato il “benvenuto” e poi l’ha accolta per un testa a testa durato più di un’ora.

Questa tappa essenzialmente cerimoniale è stata segnata dalla consegna simbolica da parte di Mario Draghi al suo successore della campana d’argento utilizzata dal Presidente del Consiglio per regolare i dibattiti in Consiglio dei ministri.

Sotto gli obiettivi delle telecamere, ha sventolato il campanello, con il signor Draghi al suo fianco.

A 45 anni, la Meloni guiderà il governo più di destra del Paese dalla nascita della Repubblica Italiana nel 1946.

Mario Draghi, ex capo della Banca Centrale Europea (Bce) molto apprezzato sulla scena internazionale e in particolare a Bruxelles, era a capo dell’esecutivo dal febbraio 2021.

Al termine della cerimonia, ha lasciato Palazzo Chigi, sfilando anche davanti alla guardia d’onore al suono della banda musicale.

A questa cerimonia sarebbe seguito il primo Consiglio dei ministri, essenzialmente dedito al contatto tra i nuovi ministri ea compiti di natura amministrativa.

Fu allora che iniziarono le cose serie per il Presidente del Consiglio, alle prese con tante sfide, soprattutto economiche, a cominciare dalla crisi energetica, dall’inflazione e dal debito, il cui rapporto è il più alto dell’eurozona dopo la Grecia.

READ  Ciclismo. 18 mesi di carcere per i ladri di bici della nazionale italiana di ciclismo

Il presidente francese Emmanuel Macron, che domenica si recherà a Roma dove vedrà papa Francesco e pronuncerà un discorso sulla pace, potrebbe essere il primo capo di stato straniero a incontrare la signora Meloni, anche se per questo non è prevista un’intervista. stadio.

Sabato l’Unione Europea, riluttante ad affrontare l’ascesa al potere dell’estrema destra, si è detta pronta a “collaborare” con il governo Meloni, un’accoglienza segnata dalle congratulazioni delle sue tre maggiori istituzioni: Ursula von der Leyen per il Commissione Europea, il Presidente del Consiglio Europeo Charles Michel e la Presidente del Parlamento Europeo Roberta Metsola.

La Meloni ha ringraziato i leader europei, dicendosi “pronta e desiderosa di lavorare insieme”.

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.