Giambattista Valli, il più francese degli stilisti italiani

Indubbiamente, Giambattista Valli si è guadagnato il suo posto nel mondo della moda in un decennio. I romani conquistarono Parigi, assicurandosi un’internazionalizzazione di successo. Collezione dopo collezione, lo stilista abbaglia le passerelle – e poi i red carpet – con le sue creazioni oniriche e sensuali. La Muse Valli non nasconde la sua personalità dietro le tendenze, si afferma con classe e sicurezza. Forbes ha parlato con questo genio dell’haute couture che ha accettato di rivisitare i capitoli più belli della sua vita.

Quali sono i tuoi primi ricordi di moda?

Giambattista Valli : All’età di sette anni, i miei genitori mi portarono a vedere Ghepardo di Luchino Visconti. Ricordo soprattutto quella scena del fidanzamento in cui Claudia Cardinale scoppiò a ridere. È libero, spontaneo e luminoso. Sono rimasto affascinato da questo momento di straordinario equilibrio. Oltre alla moda, ho deciso soprattutto che volevo rendere belle le donne o aiutarle a trovare la propria bellezza. Quando non disegnavo “cameriere” in TV cercando di indovinare il colore dei loro vestiti sullo schermo in bianco e nero, lavoravo duramente con la sarta di mia nonna per realizzare i pezzi per il mio primo modello: Barbie.

Perché hai deciso di scrivere la tua storia a Parigi e non in Italia?

Sono nata a Roma ma Parigi è la mia città preferita. Le mie origini romane sono sempre sottilmente presenti nelle mie creazioni, Roma è una città di stranezze, fantasia e illusione. Parigi, dal canto suo, è sinonimo di eccellenza e conoscenza. Per le case di alta moda, “l’eccellenza” non si riflette solo nelle creazioni, ma anche nella cultura, nei riti e nei gesti. Ho avuto il privilegio di impararlo con il signor Emanuel Ungaro e che gli è stato trasmesso dallo stesso Cristóbal Balenciaga.

READ  Testimonianze: questa è la bandiera rossa che mi ha fatto lasciare la relazione

Essere romano a Parigi mi porta una certa dualità, riuscire a combinare la qualità del lavoro industriale italiano nel prêt-à-porter con le tecniche più sofisticate dell’alta moda francese. Parigi mi ha dato l’opportunità di esplorare gli angoli nascosti della mia personalità e creatività, così come quell’atteggiamento francese, sfrenato e disinibito senza essere affatto superficiale.

Giambattista Valli

Cosa vuoi portare nella moda?

Più che prezioso in un settore saturo: l’identità. La cosa più importante, secondo me, è essere riconoscibili dalla silhouette, non da un logo. È come essere un architetto, se uno spazio è ben organizzato, rifinito e decorato, funzionerà sempre.

Dieci anni fa, quando Haute Couture era in pericolo, non ha esitato ad aprirsi a questo universo. È stato per sfida o sei un camminatore naturale?

Ho lanciato la mia prima collezione Haute Couture nel 2011. Tutti pensavano che fossi pazzo: c’era la crisi, le case chiudevano. Sono proprio questi periodi che contribuiscono allo sviluppo della creatività, e le Settimane Haute Couture a Parigi sono ormai appuntamenti imperdibili. Spero di mostrare alla prossima generazione che con una certa idea, un’ossessione e un messaggio condiviso attraverso l’azione, la condivisione, la conoscenza, la perseveranza e un pizzico di incoscienza, tutto è possibile. Questa persona può essere l’attore del proprio film invece di essere il sostituto in un altro film.

Giambattista Valli: La cosa più importante, secondo me, è essere riconoscibili dalla silhouette, non da un logo.

Collezione dopo collezione, sei riuscito a consolidare il tuo status di stilista importante. Come ti mantieni ispirato?

Mi vedo come uno scrittore, ogni raccolta è un capitolo di un libro. Uso le mie idee e la mia immaginazione per raccontare una storia con le mie creazioni. Lo stile di Vali è nomade, è una miscela di culture e icone. Le donne che indossano i miei vestiti mi ispirano ugualmente.

READ  Museo d'Arte e Storia presso la Biblioteca dell'Ospedale Sainte-Anne, Italia, Parigi, giovedì 16 marzo 2023

Femminilità, sensualità, pizzi, garze di seta, abiti dai toni gioiello… Questa firma stilistica ti definisce. C’è molta poesia e romanticismo nel tuo mondo.. Qual è l’ispirazione che c’è dietro?

La mia più grande ispirazione è la curiosità. Il mio desiderio di vestire e accompagnare le donne di tutto il mondo nella loro vita quotidiana e nei loro momenti forti. La donna Valli è a suo agio con la sua femminilità e non nasconde la sua personalità dietro la moda. È gratuito e non vincolato da accordi pur essendo senza tempo. Questa donna ei suoi movimenti sono un’ossessione nel mio lavoro.

Per la stagione Primavera-Estate ’23 ho mixato ispirazioni orientaliste con i codici estetici del brand. Che storia vuoi raccontare?

Ho sempre voluto creare armonia tra gli opposti. Questa stagione si esprime attraverso l’equilibrio di materiali, stampe, sfumature e sottigliezza di tessuti che evocano un po’ di buon senso. La collezione traduce l’emozione di un gesto, un momento, una silhouette, una macchia di colore, un profumo. Queste sfere sensoriali si fondono l’una con l’altra e permettono alla nostra mente di fuggire in un “giardino fatato” orientale, ricoperto di stampe floreali, colori caldi, trame leggere e ricchi ricami.

© Getty Images

La moda è un lavoro che può fare male, come ti proteggi?

Ricaricare le batterie a Roma, dove mi prendo del tempo per ricaricare la mia creatività, per stare insieme ai miei cari. Considero la mia privacy un lusso, ed è questo che mi protegge. Mi piace anche stare da solo con un foglio di carta bianco e una matita. È tempo di riflessione, la pittura è la mia meditazione.

READ  'Personal Photo Studio' apre a Huy con 15 universi a tema (video)

Per più :

Casa Giambattista Valli

<< Anche da leggere : Settimana della moda | “Beyond the Light”, la sfilata glamour della gioielleria Maison Messica

>>>

You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.