Germania. Schulze, che non è ancora un consulente, è già coinvolto nell’attività

Olaf Schultz, l’avvocato in formazione, è in subbuglio ed è stato ancora una volta accusato di collusione, almeno passiva, con la comunità imprenditoriale. La rivelazione, pubblicata sull’ultimo numero del settimanale donna Sulla regolamentazione dell’evasione fiscale all’interno dell’Unione Europea (UE) mette in evidenza il ruolo restrittivo del ministero delle Finanze tedesco, che dirige dal 2018, e indica il suo compiacimento, anche complicità con finanzieri e manager di grandi gruppi. investigatori Spiegel Si basa su migliaia di documenti che sono stati in grado di recuperare con altri giornalisti europei nel quadro di un partenariato sviluppato sotto gli auspici dell’Organizzazione europea per la cooperazione investigativa (EIC), che riunisce molti media europei, tra cui il Belgio Sera, italiano caffè espresso La Mediapart francese.

Le indagini si sono concentrate sull’esame approfondito degli interventi di un gruppo con sede a Bruxelles e incaricato dall’Unione Europea di far rispettare un “codice di condotta” tra le autorità, da un lato, e i colossi finanziari o i contribuenti ultra ricchi, dall’altra. Questo sistema è stato messo in atto sulla scia dello scandalo LuxLeaks, che alla fine del 2014 ha messo in luce il funzionamento dei sistemi politici amministrativi lussemburghesi e che ha permesso a multinazionali come Apple, Amazon, Ikea o Deutsche Bank di evadere quasi interamente dalle tasse.

L’organizzazione non ha davvero contribuito a correggere” comportamento deviato “,” punta donnaCon un senso completo di semplicità. Al contrario, sono continuate in larga misura modalità più sofisticate di evasione fiscale, facendo affidamento sui rapporti privilegiati dei maestri dell'”ottimizzazione fiscale” con le autorità superiori dei vari Stati membri. Pertanto, affermano gli inquirenti, il dumping finanziario non si è ridotto, ma al contrario si è diffuso all’interno dell’Unione Europea. Con il risultato di una costante riduzione del livello dell’imposta sulle società si osserva ovunque. E questa caratteristica unica: l’aliquota di quest’ultimo si avvicina ormai in molti Stati membri alla tassa minima del 15% per i grandi gruppi appena approvati a livello internazionale. Lungi dalla scarpa segreta della critica all’evasione fiscale che taluni a volte brandiscono, la procedura e la sua funzione di aliquota molto bassa favoriscono soprattutto il dumping.

READ  Calhanoglu lascia il Milan per l'Inter

Contrario a controlli migliorati

Dopo lo scandalo LuxLeaks, Olaf Schultz è stato tra coloro che si sono opposti a controlli più severi sulle amministrazioni fiscali. Tuttavia, Bruxelles ha giurato di avere una migliore cooperazione tra i partner europei al fine di stabilire “La massima trasparenzaSolo un anno fa, il ministero delle finanze tedesco è stato sfidato dalla necessità di annunciare lo stato dei suoi accordi con le aziende, come hanno fatto in quel momento altri paesi dell’UE.Queste convenzioni‘, abbiamo detto in Scholz. Perché ‘Fanno parte del segreto fiscale“.Il ministro tedesco ha chiesto di non pubblicare le informazioni scambiate tra gli Stati membri”.anche sconosciutoAppuntidonna.

Qual è la ragione di questa singolare mancanza di cooperazione? Il nome del ministro ha già aggirato lo scandalo finanziario più sfacciato dell’ultimo decennio. Nel caso Wirecard, centinaia di miliardi di euro sarebbero stati sottratti in circostanze misteriose. Anche qui ha contestato la mancanza di controllo sul gruppo che in tempi record è diventato il punto di riferimento della Borsa di Francoforte, ha chiesto al ministro delle Finanze di ignorare tutto sulle azioni dei leader intelligenti nel tirannico campo dei pagamenti digitali, di che ha detto, tuttavia, di concedere “tutta la sua fiduciaQualche mese fa. Nel caso della Hamburg Warburg Bank relativa ad anticipazioni fiscali di qualche anno fa, denominata CumEx, del tutto fittizia, ma già risarcita dal management, compare anche il nome Schulz.

Il nuovo collegamento sospeso su questa catena di clamorose vicende dovrebbe compromettere seriamente la credibilità del consigliere di Olaf Schultz. “I risultati della sua guerra contro la frode fiscale a livello europeo sono stati disastrosi“,” annuncia Janine Whistler, co-presidente del partito Die Linke. Aggiunge che il candidato cancelliere SPD ha agito di più”.Come il padrino dei paradisi fiscalicome il loro disprezzo.

READ  Cosa significa chiamare l'ambasciatore

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *