Germania, Francia e Italia si accordano per regolamentare il futuro dell’intelligenza artificiale in Europa

Germania, Francia e Italia si accordano per regolamentare il futuro dell’intelligenza artificiale in Europa
Questo articolo è stato originariamente pubblicato su Inglese

I disaccordi tra i principali Stati membri dell’UE, inclusa la Francia, su come regolamentare l’intelligenza artificiale, minacciano di far deragliare la legislazione europea.

annuncio

Francia, Germania e Italia hanno raggiunto un accordo su come regolamentare l’intelligenza artificiale, secondo un documento congiunto visionato da Reuters, che potrebbe accelerare i negoziati a livello europeo.

Tutti e tre i governi sostengono impegni volontari, ma vincolanti, per i piccoli e grandi fornitori di servizi di intelligenza artificiale dell’UE che aderiscono.

La Commissione Europea, il Parlamento Europeo e il Consiglio dell’Unione Europea stanno attualmente negoziando la posizione dell’Unione.

A giugno, il Parlamento europeo ha introdotto la legge sull’intelligenza artificiale, che mira a ridurre i rischi associati alle applicazioni dell’intelligenza artificiale ed evitare effetti discriminatori, sfruttando al tempo stesso il potere creativo dell’intelligenza artificiale.

I deputati hanno abbandonato venerdì un incontro con i rappresentanti degli Stati membri dopo aver raggiunto un punto morto sull’approccio proposto ai modelli di impresa. Secondo Euractiv.

Francia, Germania e Italia sono stati tra i maggiori stati membri ad opporsi a queste normative, minacciando di far fallire gli sforzi volti ad approvare la legislazione in questa sessione del Parlamento Europeo.

Le regole dell’IA dovrebbero essere vincolanti per tutti

Durante le discussioni di giugno, il Parlamento europeo ha proposto che il codice di condotta sia inizialmente vincolante solo per i principali fornitori di servizi di intelligenza artificiale, che provengono principalmente dagli Stati Uniti.

I tre governi dell’UE hanno affermato che questo chiaro vantaggio competitivo per i piccoli fornitori europei potrebbe avere lo svantaggio di ridurre la fiducia in loro, portando a un minor numero di clienti.

Hanno affermato che le regole di condotta e di trasparenza dovrebbero essere vincolanti per tutti.

READ  Dichiarazione del Segretario di Stato a seguito delle audizioni del giusto processo di Michael Kovrig e Michael Spavor - 45eNord.ca

Inizialmente non dovrebbero essere imposte sanzioni, secondo il documento.

Tuttavia, se si riscontrano violazioni del Codice di condotta dopo un certo periodo di tempo, è possibile istituire un sistema di sanzioni.

In futuro, si legge nel documento, un organismo europeo controllerà il rispetto degli standard.

Il Ministero dell’Economia tedesco, che si occupa di questo tema insieme al Ministero per gli Affari Digitali, afferma che le leggi e il controllo statale non dovrebbero regolamentare l’intelligenza artificiale in sé, ma piuttosto la sua applicazione.

Il ministro degli affari digitali Volker Vissing ha dichiarato a Reuters di essere molto felice di raggiungere un accordo tra Francia e Germania per limitare solo l’uso dell’intelligenza artificiale.

“Dobbiamo regolamentare le applicazioni, non la tecnologia, se vogliamo giocare nella principale lega mondiale di intelligenza artificiale.”dice Volker Wessing.

Bilanciare gli obiettivi tecnologici e legali

La segretaria di Stato per l’economia Franziska Brantner ha dichiarato alla Reuters che è importante sfruttare le opportunità e limitare i rischi.

“Abbiamo sviluppato una proposta che possa garantire un equilibrio tra i due obiettivi in ​​campo tecnologico e giuridico non ancora definiti”.“, dice Franziska Brantner.

Mentre i governi di tutto il mondo cercano di raccogliere i benefici economici dell’intelligenza artificiale, la Gran Bretagna ha tenuto la sua conferenza a novembre Il primo summit sulla sicurezza dell’IA.

annuncio

Il governo tedesco organizza lunedì e martedì a Jena, in Turingia, un vertice digitale che riunirà rappresentanti degli ambienti politici, economici e scientifici.

Le questioni relative all’intelligenza artificiale saranno anche all’ordine del giorno dei colloqui tra il governo tedesco e quello italiano che si terranno mercoledì a Berlino.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *